Per affrontare la carenza di manodopera, l’integrazione socioeconomica dei migranti è essenziale, affermano i partecipanti alla discussione dell’OSCE a Vienna

in EUROPA by

VIENNA, 18 dicembre 2018 – Per affrontare la carenza di manodopera e consentire ai migranti di essere una risorsa per i paesi di origine e destinazione, l’integrazione socio-economica è essenziale, hanno detto i partecipanti alla conferenza dell’OSCE che si è tenuta oggi a Vienna in occasione della Giornata internazionale dei migranti.

Il coordinatore delle attività economiche e ambientali dell’OSCE, Vuk Žugić, ha affermato che la discussione ha mostrato quanto le nostre società e le nostre economie siano interconnesse. “La cooperazione non è un’opzione, ma una necessità”, ha detto Žugić. “Il dialogo rimane la chiave per soluzioni a lungo termine. Credo che l’approccio globale alla sicurezza dell’OSCE offra un obiettivo unico per la ricerca di risposte adeguate. “

L’evento, che ha riunito responsabili politici, partner economici e sociali, rappresentanti della società civile e professionisti, ha concluso che solo un approccio multi-stakeholder può garantire un’efficace integrazione del mercato del lavoro dei migranti, grazie al coinvolgimento del settore privato, dei governi, delle associazioni dei lavoratori , istituti di istruzione e formazione, mondo accademico e società civile.

L’Ambasciatore Luca Fratini, Vice Rappresentante Permanente dell’Italia presso l’OSCE, ha sottolineato che la discussione ha completato molto bene il lavoro svolto dall’OSCE nel 2018 sulla migrazione, una priorità per la Presidenza italiana dell’OSCE. “Solo rafforzando il dialogo tra tutte le parti interessate e in particolare tra Stati, organizzazioni internazionali, società civile e settore privato, possiamo affrontare la governance della migrazione di manodopera in modo globale”, ha affermato.

La discussione ha offerto una rinnovata opportunità per migliorare la comprensione, esplorare soluzioni comuni e rinnovare i partenariati strategici per il futuro impegno dell’OSCE nel campo della governance delle migrazioni.

“Nonostante le persistenti sfide tra molti paesi su come affrontare il fenomeno delle migrazioni, non possiamo evitare questa conversazione”, ha detto Paul Bekkers, direttore dell’Ufficio del Segretario generale dell’OSCE. “Il dialogo sull’integrazione lavorativa dei migranti dovrebbe essere basato sui fatti, non spinto dalla paura, con l’obiettivo di servire allo stesso modo sia le società di accoglienza che quelle di origine, ma soprattutto le persone interessate – gli stessi migranti”.

L’OSCE continuerà a sfruttare il suo approccio globale alla sicurezza per affrontare le attuali sfide nella governance della migrazione, integrando gli sforzi in corso della comunità internazionale, insieme alle sue operazioni sul campo ea partner di lunga data: l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, l’Organizzazione internazionale del lavoro, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) e altre agenzie e entità pertinenti, nonché il settore privato, il mondo accademico e la società civile.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*