KFOR, supportare le scuole in Kosovo e una priorità

in SICUREZZA by

Concluso ciclo di  progetti CIMIC, cooperazione civile militare,in sostegno a diversi istituti di formazione nella missione in Kosovo

Si è concluso nella giornata di ieri, con una donazione di alcuni ausili didattici per la realizzazione di un’aula di informatica in favore del seminario ortodosso di Prizren, un’importante progetto CIMIC (Civilian Military Cooperation) in favore di diversi istituti di formazione kosovari.

Sin dai primi mesi del mandato – ormai prossimo al termine – del 5° Reggimento Alpini (reparto framework del contingente italiano in Kosovo), il personale addetto al CIMIC ha duramente lavorato al fine di realizzare una serie di interventi volti a migliorare le condizioni degli istituti di formazione locali.

È in questo contesto che sono stati effettuati diversi sopralluoghi sanitari in quattro strutture scolastiche di diverse municipalità (due istituti della municipalità di Peć/Peja, uno a Istok/Istog e Junik), al fine di garantire – grazie a nuclei specializzati dell’esercito italiano – interventi di sanitizzazione e disinfestazione degli ambienti adibiti ad ospitare gli alunni.

Ancora, sono stati terminati alcuni importanti lavori di ristrutturazione in favore di una scuola elementare nei pressi dell’abitato di Budisavci/Budisallci (municipalità di Klina): grazie allo stanziamento di fondi nazionali italiani, è stato infatti possibile completare un progetto iniziato nel 2017, mirato alla sostituzione della totalità degli infissi dell’edificio, garantendo così delle migliori condizioni ambientali per i bambini.

Diversi equipaggiamenti didattici ed attrezzature sportive sono inoltre stati donati a cinque differenti istituti scolastici presenti nell’area di competenza del Multinational Battle Group – West (unità multinazionale in cui è inquadrata buona parte del personale delle forze armate italiane impiegato in Kosovo): questi ausili saranno sicuramente funzionali ad un insegnamento più efficace ed efficiente.

Tutti questi interventi sono sempre stati guidati dal criterio di imparzialità che guida la missione KFOR in Kosovo, tenendo ben presente il ruolo fondamentale che la formazione scolastica riveste nell’educazione dei bambini ed adolescenti: a loro è infatti affidato l’importante compito di superare le diffidenze legate alla convivenza interetnica per garantire un miglior futuro a questo Paese.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*