Appello del Governo Regionale del Kurdistan, basta violenza sui cristiani in Iraq

in MEDIO ORIENTE by

Ancora violenza contro la comunità cristiana in Iraq, a denunciarle questa volta l’alto rappresentante del governo autonomo del Kurdistan in Italia Rezan Kader in una nota per la stampa.

È di pochi giorni fa la notizia del massacro di una famiglia cristiana a colpi di coltello nella loro abitazione nel quartiere di Mashtal a est di Baghdad. Uccisi e derubati in casa propria da un gruppo di persone armate, un copione tristemente noto nella regione  che ha lo scopo di realizzare una vera è propria pulizia religiosa.

“Quindici anni fa i cristiani in Iraq erano circa un milione e mezzo, localizzati per lo più nella piana di Ninive, oggi sono 300mila per i 2/3 rifugiati nel Kurdistan Iracheno” ha dichiarato il portavoce Kader “ L’Isis è stato il colpo finale ma l’esodo è cominciato molto prima.”

Il problema della persecuzione dei cristiani è un tema poco dibattuto in occidente e purtroppo anche in Italia ma i numeri sono in continuo aumento e rischiano di creare una spaccatura di carattere religioso in varie zone del medio oriente, in Asia e in Africa .

“ Il governo Regionale del Kurdistan ha sempre lottato per la convivenza etnico-religiosa “ continua il rappresentante Kader “ considerando la comunità crsitiana come un tassello fondamentale del mosaico Kurdo. Oggi, alla luce della crisi umanitaria e delle continue violenze verso i nostri fratelli cristiani, chiediamo  a tutta la comunità internazionale di supportarci affinché  si interrompano le violazioni dei diritti umani e si restituisca una vita normale a chi l’ha tragicamente persa” , questo l’appello alla comunità internazionale del portavoce Rezan Kader che speriamo possa trovare ascolto.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*