Croce Rossa dopo il riordino, ora nel pieno governo degli associati

in EUROPA by

Conclusa a Roma l’Assemblea Nazionale dei delegati territoriali della Croce Rossa Italiana, un week end denso di impegni per i tanti partecipanti provenienti da tutte le regioni del Paese.

Un incontro molto importante perché il primo dopo il riordino del terzo settore voluto dal governo Renzi che ha impattato fortemente anche sulla Croce Rossa che vede ora il pieno governo della propria associazione che si basa su un volontariato diffuso e molto qualificato e parte importante di un sistema internazionale di assistenza come la Federazione Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.

In apertura è stato lo stesso Presidente Rocca a ricordare i molteplici impegni a cui l’organizzazione non si è mai tirata indietro, dalla frana di Rigopiano al terremoto nel centro Italia al supporto continuativo nell’ambito dell’accoglienza dei Migranti.

Proprio su questo punto si è voluto mettere in risalto l’importanza e il ruolo che ha  la federazione internazionale ha nell’aiuto umanitario ai migranti in virtù del fatto che la Croce Rossa e Mezzaluna Rossa sono presenti sia nei paesi di partenza che in quelli di arrivo, per questo la federazione può essere un tassello molto importante nelle attività di aiuto ma anche nella proposizione di modelli di gestione dei fenomeni migratori.

Una Associazione quella della Croce Rossa che dopo il riordino è riuscita a cambiare la propria struttura dei costi permettendo di investire di più nelle attività operative, terminato il processo privatizzazione e di riforma della Croce Rossa Italiana ” di fatto ora l’associazione è tornata pienamente nelle mani dei suoi soci” ha dichiarato il Segretario Generale Flavio Ronzi.

All’assemblea hanno partecipato anche molti delegati internazionali che hanno potuto dare il loro contributo alla discussione portando anche un messaggio di fratellanza e cooperazione come ha detto il Elhadj As Sy Segretario Generale  della federazione internazionale della Croce Rossa e della mezzaluna Rossa.

European affairs ha intervistato il Presidente Rocca e il Segretario Generale Ronzi nel video seguente.

 

 

All’assemblea Nazionale della Croce Rossa Italiana, European Affairs ha intervistato anche Massimo Barra, fondatore della Fondazione Villa Maraini e Presidente della partnership internazionale sulle droghe della Croce Rossa Italiana. La perseveranza delle battaglie condotte dal dottor Barra ha contribuito fortemente ad alcuni cambiamenti importanti a livello internazionale, tra questi la recente decisione dell’Iran di non applicare la pena di morte ai reati riconducibili alla droga, una lotta di quasi trena’anni durante i quali in Iran moltissimi tossicodipendenti sono stati condannati a pene altissime sino alla pena di morte.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*