GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Croce Rossa; Al via l’8 dicembre gli “Stati Generali della Gioventù”

in SICUREZZA by

Il prossimo otto dicembre sarà il giorno d’avvio degli Stati Generali della Gioventù al Crown Plaza Hotel di San Donato Milanese. Una tre giorni che vedrà partecipare 400 giovani volontari della Croce Rossa italiana, in rappresentanza dei 40.000 under 32 che compongono, oggi, un terzo del corpo della CRI. Tre giorni che proietteranno questa ampia fetta dell’associazione verso le future e  complesse sfide umanitarie globali. L’evento, come si legge nel comunicato dell’associazione CRI, ha l’obbiettivo di fornire risposte ai dubbi odierni delle giovani generazioni, a seguito di questi anni di crisi profonda, non solo economica ma anche culturale e valoriale.

Il programma prevede due plenarie nella giornata d’apertura, che avranno luogo a partire dalle 14.000. Interverranno, tra gli altri, il sottosegretario del ministero del lavoro e delle politiche sociali, Luigi Bobba, e in chiusura il presidente dell’associazione della Croce Rossa Italiana Francesco Rocca.

 L’evento culmine sarà sicuramente quello della giornata di chiusura. Il 10 dicembre, infatti, saranno approvate le proposte di modifica dei regolamenti e dello statuto dell’associazione, nonché definita la strategia d’azione di CRI verso i giovani.

Per il 9 invece è prevista una corposa attività, divisa in due momenti. Nel corso della mattinata si alterneranno 8 speaker condividendo visioni nuove e stimolanti che favoriranno riflessioni sull’innovazione sociale e un nuovo approccio motivazionale. Nel pomeriggio ci sarà una sorta di “officina delle idee”, in cui avrà luogo un confronto non formale al quale parteciperanno anche rappresentanti di associazioni “partner” di CRI, e che con essa condividono missioni ed obbiettivi. Tra questi interverrà il Direttore Generale dell’Agenzia Nazionale per i giovani, Giovanni D’Arrigo.

“La tre giorni – spiega il vice presidente di CRI, Gabriele Bellocchi – intende sviluppare delle concrete strategie di crescita della nostra Gioventù. Si lavorerà concretamente per tirar fuori i sogni, gli obiettivi e le sfide per il futuro. Vogliamo rinnovarci, ripartendo dai bisogni concreti della gioventù italiana, analizzati da uno studio sviluppato nel corso del 2017 in collaborazione con Ciessevì Milano e Università Cattolica del Sacro Cuore, per rispondere in modo innovativo ed efficace a ciò che ci viene chiesto”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultime da

Vai a Inizio