Guada Closures Group si espande con una nuova unità di ricerca e sviluppo

in ECONOMIA by

La multinazionale italiana Guada Closures Group ha recentemente annunciato al Technoport di Foetz, in Lussembrugo, la creazione di una nuova unità di ricerca e sviluppo per la creazione di nuovi materiali da applicare all’industria dell’imballaggio.

La Guada Closures Group è una multinazionale leader nella produzione di chiusure in alluminio e “non-refillable”. Nacque come piccola fabbrica di tappi a corona ad Alessandria ed oggi vanta una produzione annuale di 14 miliardi di unità, risultato ottenuto in particolare grazie alla produzione di capsule anti-contraffazione per bottiglie.

Durante l’evento è stato inaugurato il nuovo centro di ricerca e sviluppo nel settore degli imballaggi e il CEO, Marco Giovannini, non ha perso l’occasione per mettere alla prova e pubblicizzare alcuni dei prodotti della multinazionale. Prima tra tutti la stampante 3D per la riproduzione di ingranaggi usurati nella catena di produzione. Il CEO ha anche illustrato come l’utilizzo dell’energia elettromagnetica si presta, grazie alle nuove tecnologie, come mezzo adeguato a modellare chiusure in alluminio, acciaio e rame destinate al progetto “Flex Cap”, realizzato con linee produttive di altissima gamma.

A non passare inosservato agli occhi della stampa è stato il prodotto “Smart Cap”, un sistema di geo-localizzazione per le bottiglie. Attraverso l’introduzione di un chip elettronico nelle capsule di chiusura infatti sarà possibile trasmettere un segnale ogni volta che una bottiglia verrà aperta. Di conseguenza permetterà di riscuotere le relative accise sostituendo le fascette cartacee.

I prodotti Guada Closures hanno avuto modo di essere apprezzati a tal punto da sollevare l’interesse del paese che ha ospitato la Technoport. Il ministro delle finanze del Lussemburgo, Pierre Gramenga ha infatti espresso l’intenzione di voler attirare sul proprio territorio industrie ad alta specializzazione.  Questa opportunità permetterebbe l’interazione tra l’Università di Lussemburgo e i centri di ricerca collegati. Questo investimento è in linea con l’indirizzo che sta portando avanti il Governo di Xavier Bettel sulla base del “rapporto Rifkin” della terza rivoluzione industriale. Infatti permette la diversificazione della produzione economica e rientra nella stessa ottica dei finanziamenti che il Governo lussemburghese ha stanziato per l’avvio di progetti di ricerca e sviluppo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*