GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Monthly archive

giugno 2017 - page 2

Admiral Praises USS Fitzgerald’s Crew, Announces Investigations

Senza categoria di

The response of the crew of the severely damaged USS Fitzgerald “was swift and effective, and I want to point out — as we stand by the ship — how proud I am of them,” Navy Vice Adm. Joseph P. Aucoin, commander of the U.S. 7th Fleet, said today at a press conference in front of the stricken ship that’s now moored in Yokosuka, Japan.

The U.S. Navy Arleigh Burke-class guided missile destroyer USS Fitzgerald collided with the Philippine-flagged merchant vessel ACX Crystal in the Philippine Sea at approximately 2:30 a.m. local time, June 17, while operating about 64 miles southwest of Yokosuka, Japan, according to U.S. 7th Fleet news releases.

The Fitzgerald was able to return to its home port at Yokosuka under its own power aided by tug boats about 16 hours after the collision, according to a release.

Extensive Damage, Flooding

The Fitzgerald experienced extensive damage and flooding after the collision, Aucoin said in a news release issued today. The damage, he added, included a significant impact under the ship’s pilothouse on the starboard, or right, side and a large puncture below the ship’s waterline, opening the hull to the sea.

The ship, he continued, experienced rapid flooding of three large compartments that included a machinery room and two berthing areas for the ship’s 116-member crew.

Aucoin said the Fitzgerald’s commanding officer’s cabin was also directly hit, trapping Navy Cmdr. Bryce Benson, the commander, inside. Benson is one of three injured sailors who were transferred by helicopter to U.S. Naval Hospital Yokosuka for treatment after the collision.

All three patients are alert and under observation at the hospital, he said.

Thanks Japanese for Assistance

Shortly after the collision the U.S. made a request for support from the Japanese Coast Guard, which was the first on scene, according to a release.

Several U.S. Navy aircraft, as well as Japanese Coast Guard and Japan Maritime Self-Defense Force helicopters, ships and aircraft were deployed to render assistance to the Fitzgerald, a release said.

The Japan Maritime Self-Defense Force ships JS Ohnami, JS Hamagiri and JS Enshu were sent to join the JCG ships Izanami and Kano, according to a release. The U.S. Navy Arleigh Burke-class guided missile destroyer USS Dewey served as an escort for the Fitzgerald and has also returned to Yokosuka.

The admiral expressed his “most heartfelt appreciation to our Japanese allies for their swift support and assistance.”

Praises Crew’s ‘Heroic Efforts’

At today’s press conference in Yokosuka, Aucoin saluted the Fitzgerald crew’s “heroic efforts” that prevented the flooding from spreading, which could have caused the ship to founder or sink.

The crew, he continued, navigated the Fitzgerald into one of the busiest ports in the world with a magnetic compass and backup navigation equipment. One of two of the ship’s shafts became locked, he added.

“Because of the tireless damage control efforts of a resolute and courageous team, the ship was able to make its way back to port safely on its own power last evening,” Aucoin said in the release.

“The Fitzgerald crew responded professionally as all sailors are expected to fight the damage sustained to their ship. They are known as the “Fighting Fitz,” and the crew lived up to that name,” the admiral added.

Navy Finds ‘A Number’ of Missing Fitzgerald Sailors

Seven Fitzgerald sailors were reported unaccounted for after the collision, and the Japanese Coast Guard launched a search effort, according a release.

After the Fitzgerald returned to its home port in Yokosuka, search-and-rescue crews gained access to the ship’s spaces that were damaged during the collision, according to a release.

At the press conference, Aucoin said the Navy “has found the remains of a number of our missing shipmates.”

He added, “Our deepest sympathies are with the families of these sailors. Out of concern for the families and the notification process, I will decline to state how many we have found at this time. We owe that to the families and friends of these shipmates and hope you can respect this process.”

The sailors’ remains were transferred to Naval Hospital Yokosuka, Aucoin said, noting the “families are being notified and will be provided the support they need at this difficult time. Please keep them in your thoughts are prayers.”

He said the names of the deceased will be released pending notification of next of kin.

In a Twitter message issued yesterday, President Donald J. Trump said his “thoughts and prayers [are] with the sailors of the USS Fitzgerald and their families. Thank you to our Japanese allies for their assistance.”

Investigations

Aucoin said he’s initiating a Judge Advocate General Manual investigation into the collision, and that he’ll appoint a flag officer to lead that investigation.

There will also be a safety investigation, he added.

“We owe it to our families and the Navy to understand what happened,” Aucoin said.

The U.S. Coast Guard is slated to take the lead on the marine casualty investigation, he said.

More information on any further investigations will be forthcoming, the admiral said.

“I will not speculate on how long these investigations will last,” Aucoin added.

Afghanistan, la brigata Taurinense sostituisce la Garibaldi

Senza categoria di

Si è svolta questa mattina presso l’aeroporto di Herat, la cerimonia di avvicendamento alla guida del Train Advise Assist Command West (TAAC W), il Comando Nato multinazionale e interforze a guida italiana che opera nella regione Ovest dell’Afghanistan nell’ambito della Missione Resolute Support (RS). La Brigata bersaglieri “Garibaldi”, dopo sei mesi di addestramento, consulenza e assistenza ai vertici operativi delle Afghan National Defence and Security Forces (ANDSF), è stata avvicendata dalla Brigata alpina “Taurinense”.

 

Alla cerimonia hanno partecipato il comandante della missione Resolute Support Generale Nicholson, l’Ambasciatore d’Italia a Kabul Roberto Cantone, il comandante del Comando Operativo Interforze l’Ammiraglio Cavo Dragone – che precedentemente ha fatto visita al contingente italiano a Kabul – ed il Generale di Divisione Rosario Castellano, Vice Comandante delle forze Nato in Afghanistan. Hanno inoltre presenziato il Governatore della Provincia di Herat, Mr Asif Rahimi, insieme alle massime autorità civili e militari afgane della provincia.

 

Il Generale Nicholson nel suo intervento ha ringraziato il Comandante cedente Generale Claudio Minghetti ed i militari schierati, sottolineando gli eccellenti risultati conseguiti, ricordando che il TAAC W è stato il primo ad effettuare attività di training, advise and assist a domicilio attraverso l’espressione di una expeditionay advisory package (EAP) a Farah, ed ha fatto i suoi auguri al Generale Biagini e agli alpini della “Taurinense” per il difficile e delicato compito che li attende.

 

Le attività di addestramento (Train) di consulenza (Advise e Assist), che attualmente sono svolte dagli advisors del TAAC West a favore delle ANDSF, hanno il duplice obiettivo di rendere le Forze di Sicurezza locali autonome nella gestione dello sviluppo professionale del proprio personale, e di formare nuovi istruttori (“train the trainers”), oltre che addestrare “specialisti” in materia di intelligence, di contrasto agli ordigni improvvisati, di impiego di mortai ed artiglierie, di controllo dello spazio aereo ed altro ancora, attraverso corsi mirati, seminari e simposi.

Tutti gli sforzi sono focalizzati allo sviluppo organizzativo e della funzionalità delle forze di sicurezza afghane, per il raggiungimento di un adeguato livello di sostenibilità delle stesse.

 

Per il Comando della Brigata alpina “Taurinense” si tratta ormai del quinto mandato in terra afghana, il terzo ad Herat. Contestualmente all’assunzione di responsabilità da parte del Comando “Taurinense” alla guida del TAAC West, il 2’ reggimento alpini con sede a Cuneo ha assunto il comando della Task Force Arena, unità preposta alla difesa ed al supporto della attività del contingente.

 

Japan Sea, USS Fitzgerald involved in collision

Senza categoria di

USS Fitzgerald (DDG 62) was involved in a collision with a merchant vessel at approximately 2:30 a.m. local time, June 17, while operating about 56 nautical miles southwest of Yokosuka, Japan.

The Japanese Coast Guard is on scene and providing assistance at the request of the U.S. Navy. Japan Coast Guard cutters IZUNAMI and KANO are on station, as well as a helicopter.

The USS Fitzgerald is under her own power, although her propulsion is limited.

The USS Fitzgerald suffered damage on her starboard side above and below the waterline. The collision resulted in some flooding. The ship’s crew is responding to the casualty. The full extent of damage is being determined.

The extent of number of personnel injuries is being determined. Currently working with the Japanese Coast Guard to conduct a medevac via helicopter for one Sailor.

The USS Dewey (DDG 105), medical assistance and two Navy tugs are being dispatched as quickly as practicable to provide assistance. Naval aircraft are also being readied.

14 giugno giornata mondiale per la donazione del sangue

EUROPA/Varie di

I giovani della Croce Rossa Italiana hanno  organizzato  una “Caccia al tesoro” nazionale per sensibilizzare gli under 32 sul tema della donazione del sangue, un opera di bene necessaria per poter affrontare le emergenze ematiche a livello nazionale.

“La donazione del sangue è un momento fondamentale per salvare vite e attivarsi in prima persona per la propria comunità e per chi ha bisogno. In ogni emergenza nazionale, i terremoti per esempio, ci sono tantissime persone che sono pronte ad andare a donare il sangue: quello che dobbiamo far capire a tutti è che c’è bisogno di lavorare quotidianamente sulla cultura della donazione che deve essere sostenibile e continua nel tempo. La Croce Rossa Italiana ha una lunga storia di promozione della donazione del sangue e di educazione alla salute: come ogni 14 giugno, in occasione della giornata mondiale del donatore di sangue, vogliamo rilanciare il messaggio dell’importanza della cultura del dono, periodico, volontario e non remunerato, e della sensibilizzazione delle nostre comunità locali”, ha dichiarato il Presidente nazionale della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca, in occasione del lancio dell’iniziativa.

I giovani della Croce Rossa Italiana hanno organizzato un “caccia al tesoro” nazionale per avvicinare i ragazzi alla donazione di sangue attraverso il gioco, con le persone con le quali condividono avventure, giochi, sport, musica e divertimento. In questo modo la donazione diventa un gesto normale di cui non aver paura ed un utile strumento per salvare delle vite e adottare uno stile di vita sano e sicuro con i propri amici. Per raggiungere questo obiettivo la sensibilizzazione deve coinvolgere i giovani stessi, partendo da chi sono e cosa vogliono, cosa amano fare e come pensano di realizzarlo. In questo modo, Croce Rossa li incoraggia ad affermare loro stessi, condividendo obiettivi ed esperienze, e ponendo le basi affinché si crei una rete di ragazzi consapevoli e protagonisti della propria vita e della società di cui fanno parte. L’evento coinvolgerà tantissimi ragazzi tra i 14 e i 32 anni.

A partire dal 2004, la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue viene celebrata in tutto il mondo il 14 giugno di ogni anno per ricordare la nascita di Karl Landsteiner, scopritore dei gruppi sanguigni AB0 e coscopritore del fattore sanguigno Rh. “Che cosa puoi fare? Dona sangue. Dona ora. Dona spesso” è lo slogan scelto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che vuole rimarcare l’importanza di una adeguata disponibilità di sangue durante le emergenze, attraverso un Sistema trasfusionale ben organizzato e su una popolazione di donatori volontari, periodici e non remunerati.

L’iniziativa ha riscosso molto successo permettendo di raggiungere il cuore di tantissimi giovani che hanno partecipato.

kosovo: passaggio di comando al multinational battle group west di kfor

Difesa/Varie di

Si è svolta il 12 giugno 2017 presso Camp “Villaggio Italia”, la cerimonia di avvicendamento tra il 32° Reggimento Carri di Tauriano (PN) e il 3° Reggimento Artiglieria Terrestre (da montagna) di Remanzacco (UD).

Il Colonnello Stefano Imperia ha ceduto il comando del  Multinational Battle Group West (MNBG-W), l’unità multinazionale a leadership italiana che opera nel settore ovest del Kosovo nell’ambito della Kosovo Force (KFOR), al Colonnello Enzo Ceruzzi.  Nel periodo di permanenza in Teatro Operativo, i militari del 32° Reggimento Carri hanno effettuato 1463 pattuglie appiedate, 6475 posti di osservazione e 2917 pattuglie motorizzate, per un totale di circa 172.475 km percorsi. Il MNBG-W ha realizzato nel corso del mandato anche numerosi progetti di cooperazione civile-militare, volti a supportare e contribuire a migliorare le condizioni di vita della popolazione locale.

Oltre 109 sono stati i meetings con le autorità civili e religiose locali e numerose le donazioni di materiale ed attrezzature scolastiche, giochi per bambini e medicinali in collaborazione con alcuni “donors” italiani. Il passaggio di responsabilità è avvenuto alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia in Kosovo, S.E. Piero Cristoforo Sardi, del Comandante della Kosovo Force, Generale di Divisione Giovanni Fungo e del Capo di Stato Maggiore del Comando  Operativo di Vertice Interforze (COI), Generale di Divisione Gaetano Zauner, oltre a numerose autorità civili, militari e religiose convenute per l’occasione.

Il Generale Fungo nel suo intervento ha espresso apprezzamento per il lavoro svolto dai carristi del 32° reggimento e ha augurato buon lavoro ai subentranti. Gli Artiglieri della Brigata Alpina Julia, ricevuto il testimone della missione, proseguiranno nello svolgimento dei compiti mantenendo la leadership dell’unità multinazionale che annovera tra le sue fila anche militari sloveni, austriaci e moldavi.

 

l’Isis attacca Teheran

Varie di

La coincidenza tra la decisione dei Sauditi e dei loro principali alleati di rompere le relazioni con il Qatar per un suo presunto avvicinamento all’Iran e i due attacchi terroristici avvenuti a Teheran ha spinto alcuni commentatori a legare i due fatti come conseguenza l’uno dell’altro. L’abbinamento è tuttavia particolarmente improbabile poiché gli attentati contro il mausoleo di Khomeini e il Majlis (Parlamento iraniano) sono stati così ben coordinati tra loro e tanto articolati nell’esecuzione da escludere che possano essere stati organizzati in pochi giorni. L’uso di fucili d’assalto, la scelta dei luoghi e del momento, la trasmissione via video in diretta degli avvenimenti da parte degli assalitori lasciano pensare a qualcosa in preparazione da qualche tempo, ben prima che Trump pianificasse il suo viaggio in Arabia Saudita e rilanciasse l’”asse” contro l’Iran.

Nonostante si ripeta continuamente che è la prima volta che la Repubblica degli Ayatollah sia oggetto di attacchi terroristici, ciò non corrisponde a verità. Seppur da alcuni anni non si registrassero eventi simili, episodi terroristici non sono nuovi in alcune parti del Paese e specialmente nel Kurdistan iraniano o e nella provincia del Sistan-Belucistan. L’ultimo attentato avvenuto nella capitale risale al 2001 e fu opera di un gruppo terroristico interno, i Mujahiddin- e- Khalq (conosciuti anche come Mujahiddin del Popolo facenti capo a Marjam Rajavi, autoesiliatasi in Francia).

Costoro sono un’organizzazione di militanti d’ispirazione islamico-comunista che partecipò alla rivoluzione contro lo Scià, ma fu poi emarginato da Khomeini e si dette alla macchia riunendo poi la maggior parte dei propri militanti nel vicino Iraq. Oggi, i suoi seguaci rimasti nel Paese sono pochi e la popolazione iraniana li disprezza come traditori per la collaborazione da loro data a Saddam Hussein durante gli otto anni di guerra tra i due vicini. Pur tuttavia sono ancora attivi, con una rete segreta di seguaci evidentemente ben introdotta in posti chiave dello Stato, tanto da essere stati loro a rendere noto alla comunità internazionale l’esistenza del progetto nucleare iraniano e provocare, di conseguenza, le reazioni che portarono dapprima alle sanzioni e poi all’accordo dei 5+1 sottoscritto durante la Presidenza Obama.

Anche nel 2008 Teheran fu colpita da un atto terrorista con un’esplosione in un sobborgo della città che causò almeno quindici morti. In quel caso non ci furono rivendicazioni e mai si scoprì la natura degli attentatori, ma i sospetti furono indirizzati verso Israele che avrebbe colpito un convoglio supposto trasportare armi destinate a Hezbollah libanese.

L’ISIS è un naturale nemico dell’Iran e il loro confronto diretto è sui campi di battaglia in Siria e Iraq ove, almeno ufficialmente, sono i Pasdaran e non l’esercito ufficiale a combattere. Per quanto le differenze religiose siano un puro pretesto per scopi più prettamente politici, la ragione formale dell’ostilità’ tra i due è l’”apostasia” del regime sciita degli Ayatollah contrapposto alla “purezza” sunnita del “califfato”. Agenti dello “Stato Islamico” avevano già cercato di agire nel passato contro il regime iraniano, ma un loro “emiro” nel Paese era stato identificato e ucciso mentre undici possibili terroristi erano stati arrestati nel settembre 2016 mentre facevano incetta di armi ed esplosivi, forse proprio per realizzare quanto poi verificatosi lo scorso 7 giugno. Nel marzo di quest’anno i media dell’ISIS diffusero un video in lingua farsi nel quale invitavano i sunniti iraniani (il Paese, seppur a maggioranza sciita, comprende minoranze di altre religioni tra cui sunniti, cristiani, ebrei e zoroastriani) a ribellarsi e colpire organi governativi.

Occorre qui aggiungere che la stragrande maggioranza della popolazione iraniana, pur divisa su varie etnie, nutre un forte sentimento patriottico d’identità nazionale e ogni tentativo esterno di fomentare divisioni tra i vari gruppi è sinora caduto nel vuoto.

L’attacco delle scorse settimane ha avuto il duplice effetto di rinsaldare i legami interni alla popolazione comune ma di accentuare le divisioni tra conservatori e moderati. Nonostante i terroristi fossero evidentemente seguaci dello Stato Islamico, il Governo del Presidente Rohani appena rieletto, per tacitare le proprie opposizioni, dovrà alzare i toni contro i vicini nemici sauditi e contro gli Stati Uniti. Infatti, la prima reazione di molti deputati, nonostante il Presidente del Parlamento Larjani cercasse di minimizzare, è stata il cantare “Morte all’America”.

Le Guardie Rivoluzionarie, uscite pesantemente sconfitte dalle ultime consultazioni elettorali, troveranno in questi attentati la scusa per rilanciare contro Rohani le accuse di troppa accondiscendenza verso i “nemici della rivoluzione”, per aver sottoscritto un patto che riduce la sovranità del Paese e aver così lasciato spazi ad azioni terroriste come quelle capitate. Poco importa che la sicurezza del Paese e i servizi d’informazione dipendano da loro e che quindi proprio ai Pasdaran andrebbe imputata l’incapacità di prevenire quei sanguinosi eventi.

La necessità di rispondere visibilmente all’attacco subito obbligherà il Governo ad aumentare l’impegno in Siria e in Iraq contro lo Stato Islamico e per farlo non potrà che appoggiarsi agli stessi Pasdaran, ridando loro uno spazio politico che sembrava in caduta libera. Che questo, cioè la maggior conflittualità politica interna, fosse uno degli obiettivi dei terroristi è probabile. Così com’è certo che il simbolismo dei luoghi scelti per gli attentati, la tomba del fondatore dell’attuale Repubblica e l’organo costituzionale più rappresentativo, servivano a mostrare la vulnerabilità dello Stato e rinfrancare le schiere dei guerriglieri del “califfato”demoralizzati dalle continue sconfitte sul campo di battaglia.

Saudi Arabia introduces new taxes on tobacco, prices raise by 100 percentage

BreakingNews @en di

AS a consequence of a decision by GCC council, it was established in Saudi Arabia taxes will be introduced, which will be bring prices of tobacco at increasing by 100 percentage. This decision is going to be in force, starting from Tuesday and the reason why it was adopted is because they want to take decision, which are the same for all member States of GCC and it is necessary the time of application of measure is the same to all of them. This measure, as it was explained by Saudi customs Spokesman, is useful to twice the quantitative of tobacco. After this announcement regarding increasing tobacco prices, it is immediately started buying cigarettes before the application of this economic decision. Indeed there is an huge fear and worrying among Saudi smokers, because they do not know where to find cigarettes, once their price is increasing. According to some Saudi citizens, it could be a kind of loop and historical ripetion, as 53 years ago, it happens the same thing.

 

 

Serbia and Spain have high level of bilateral cooperation

BreakingNews @en di

Intergovernmental bilateral cooperation between Serbia and Spain is at a very high level, Ivica Dacic and his Spanish hosts have agreed. According to the Serbian government, the officials said that there is full compliance in the positions of the two countries regarding the respect for the principles of international law and territorial integrity of states, and that excellent political relations give impetus to the improved development of economic, educational and cultural cooperation. During the talks with senior Spanish officials it was estimated that the support of this country to the process of Serbia’s European integration is “essential to our success on that path”.

Houthi Militias step in against money transfer from Saudi Arabia

BreakingNews @en di

Houthi Militias found a system to stop transfering money of Yemeni expatriating people to Saudi Arabia. Indeed, most of this money are deputy to save people from famine and poverty. As the consequences of these money transfers,  Houthi militias have given new instructions, which include several ban of getting money from Saudi Arabia. It would be such a serious problem, even because Saudi Arabia was really useful to support the collapsing economy of Yemen. As it is happened to Mohammed, a rebel militant, who received financial efforts from expatriating Yemeni people, starting from now, no one can get other financial effort unless it comes from people, who live in Yemen, and if he does, he would be interrogated for hours. It is enough impossible that no one in Yemen can get economic support from people, who live in Saudi Arabia, especially because the exchange rate is seriously changed.

 

 

India e Cina per una nuova leadership sul clima?

Asia di

Il mondo cambia rapidamente. Fino a non molto tempo fa gli Stati Uniti di Barack Obama, nel ruolo dei virtuosi, premendo su India a Cina, i “grandi inquinatori”, perché rinnovassero le proprie politiche ambientali e si unissero alla schiera dei paesi impegnati a combattere il cambiamenti climatici. L’accordo di Parigi COP 21, siglato nel 2015 e sottoscritto da tutti i principali attori in gioco, aveva rappresentato, fatti salvi i molti compromessi al ribasso, un esito favorevole per le istanze ambientaliste ed un successo della stessa amministrazione democratica americana.

A meno di due anni di distanza, gli USA di Trump si apprestano ad uscire dall’accordo e India e Cina si candidano a guidare la lotta contro l’inquinamento, senza risparmiare dure critiche alle scelte della nuova presidenza.

Nessuno dei due paesi, però, sembra realmente in grado di assumere la leadership sul fronte della lotta al riscaldamento globale e riempire il vuoto che verrà inevitabilmente lasciato dalla fuoriuscita degli Stati Uniti.

I due governi asiatici stanno gradualmente assumendo posizioni più nette, anche livello pubblico, contro l’inquinamento da combustibili fossili, poiché le rispettive popolazioni sono destinate a soffrire in modo sempre più diretto gli effetti nefasti dei cambiamenti climatici e dell’avvelenamento delle risorse naturali. Al di là delle prese di posizione, di per se rassicuranti, Cina e India non sono però in grado, almeno per ora, di compensare il forte indebolimento del sistema di incentivi economici che gli USA offrivano ai paesi in via di sviluppo in cambio di un maggiore controllo sui propri livelli di inquinamento.

Il cambiamento di rotta in Asia è però evidente e non va sottovalutato. Per decenni i governi di India e Cina avevano guardato con sospetto e fastidio agli appelli dei paesi del primo mondo per una riduzione delle emissioni inquinanti. Chi aveva basato il proprio sviluppo sull’industrializzazione selvaggia, senza farsi troppe domande sulle conseguenze climatiche, chiedeva ai paesi più poveri di limitare le proprie capacità di crescita in ragione della salute del pianeta. Da che pulpito arrivava la predica?

Oggi, però, sia il presidente indiano Modi che il suo omologo cinese Xi Jinping, sembrano aver adottato una diversa visione del mondo. Modi ha definito “un atto moralmente criminale” quello di non tenere fede agli impegni presi sul fronte climatico. Jinping si è rivolto a tutti i firmatari dell’accordo COP 21 ricordando che esso rappresenta “una responsabilità che dobbiamo assumere per le future generazioni”.

La scelta di Trump potrebbe avere conseguenze drammatiche per quello stesso futuro. Oltre alla riduzione degli incentivi economici e delle forniture di dotazioni tecnologiche (gli USA da soli avrebbero dovuto contribuire per circa il 20% del totale), la ritirata americana potrebbe invogliare altri paesi a fare lo stesso. L’accordo di Parigi, inoltre, era stato da molti considerato un risultato al ribasso, incapace di contenere realmente l’innalzamento delle temperature globali nei prossimi anni. Sarebbero necessari tagli decisamente più sostanziali alle emissioni, per invertire la rotta, ma il voltafaccia americano rischia di indebolire anche l’accordo corrente, incoraggiando gli stati più esitanti ad allentare le maglie del proprio impegno.

Gli USA, inoltre, sono il secondo paese più inquinante al mondo e con gli accordi di Parigi si erano impegnati a ridurre del 26-28% l’emissione di gas serra entro il 2025. Senza il loro contributo, si chiedono gli esperti, come sarà possibile rispettare l’obiettivo di limitare l’innalzamento delle temperature, rispetto all’era pre-industriale, al di sotto dei due gradi, come previsto dagli accordi di Parigi?

Difficile dirlo, ma le cose comunque si muovono. Se l’india si impegna a rispettare i propri obiettivi, nonostante 240 milioni di persone nel sub-continente non abbiano ancora accesso all’elettricità, la Cina sembra viaggiare spedita verso la realizzazione dei suoi impegni e ha avviato un progetto di finanziamento sul fronte delle energie rinnovabili (360 milioni di dollari entro il 2020) che fa del gigante asiatico il nuovo leader del settore a livello globale.

Le nuove politiche ambientali, secondo gli studiosi, hanno già iniziato ad avere alcune conseguenze tangibili nei due paesi. La Cina ha rallentato i propri consumi e l’India si appresta a ridurre i progetti di costruzione di nuovi impianti industriali a carbone. Nuova Deli ha poi accelerato gli investimenti sul fronte dell’energia eolica e di quella solare, muovendosi spedita verso l’obiettivo fissato per il 2022: portare la propria capacità di energia da fonti rinnovabili a 175 gigawatt.

Le parole del ministro dell’energia indiano, Piyush Goya suonano chiare e decise : “Non ci stiamo impegnando sul cambiamento climatico perché ce lo ha detto qualcuno, è anzi un articolo di fede per il nostro governo”. Anche la stoccata rivolta ai paesi più industrializzati ben rappresenta il cambio di paradigma: “Sfortunatamente il mondo sviluppato non dimostra lo stesso impegno nel rispettare le proprie promesse, che potrebbero aiutare ad accelerare la rivoluzione dell’energia pulita.”

Saranno dunque capaci le potenze asiatiche di supplire alle mancanze americane e caricare sulle proprie spalle questa rivoluzione? L’impegno è evidente ma resta il problema economico. La leadership americana sul fronte ambientale, nell’era Obama, si era espressa attraverso un finanziamento di 3 mila miliardi di dollari in favore dei paesi più poveri, per sostenerli nello sviluppo di energie alternative. Questo fondo è stato ridotto di due terzi da Trump e né Pechino né Nuova Deli intendono mettere sul piatto tutti questi soldi. Piuttosto, i due giganti sembrano disposti a svolgere un ruolo di coordinazione e indirizzo, rafforzando la condivisione di conoscenze sul fronte tecnologico tra le nazioni coinvolte.

Usando le parole di Varad Pande, un ex-consulente del Ministero dell’Energia indiano, quella che si costruisce oggi sarà “una leadership dal sapore diverso”.

Decisa e speziata, si spera, come il curry.

Luca Marchesini
Vai a Inizio
WhatsApp chat