GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Emmanuel Macron è il nuovo Presidente della Francia

in EUROPA/POLITICA by

Emmanuel Macron è il nuovo presidente della République Française, il candidato del nuovissimo movimento En Marche! ha sorpassato nettamente l’altra candidata al ballottaggio, ovvero come tutti sappiamo l’esponente del Front Nationale Marine Le Pen. I dati delle proiezioni danno il nuovo presidente eletto con una forza pari circa al 60-65% ed oltre, il che sarebbe una percentuale abbastanza storica per il più giovane Monsieur Le President, la realtà che più che il voto per Macron, quella di oggi è stata una lotta ad arginare le idee decisamente più estremiste della Le Pen, che certamente, tra le altre cose, cavalcando la scia del populismo avrebbe proposto l’uscita della Francia dall’Unione Europea. La Francia oggi si è espressa più in questo senso che compiendo una vera scelta politica, o meglio, una non-scelta (quella della Le Pen) che si è rivelata una scelta (quella di Macron).

Fatto sta che Emmanuel Macron è – nel bene e nel male – il nuovo presidente della Repubblica Francese: è un leader che si mostra profondamente repubblicano, ma durante il suo discorso ufficiale ha pronunciato parole fortemente socialiste come “solidarietà” ed uguaglianza sociale. Per tirare brevemente le somme si può dire quanto Macron sia un presidente “ibrido”, ma questo pare non spaventare la Francia, che comunque non ha scelto la via populista. Certo è che come ribadito per suo conto da Marine Le Pen al momento del suo discorso, le forze politiche tradizionali si devono riorganizzare e ristrutturare per adattarsi al nuovo scenario politico. La stessa Le Pen ha decretato la morte del Front National a vantaggio della creazione di una nuova forza politica, che probabilmente non faccia più risentire gli eventuali candidati della “fama nera” proprio del partito politico a cui i Le Pen sono a capo da più di una generazione.

Che cosa succederà adesso in Francia? Sicuramente il giorno dopo questo ballottaggio è l’8 Maggio, la festa nazionale francese che celebra la liberazione dal nazifascismo: in molti domani sentiranno ancora più rinnovata questa festività  come un pericolo di estrema destra scampato. Un altro dato certo è quello che in fine dei conti la vera vincitrice di queste elezioni, quella che può tirare il più profondo sospiro di sollievo è proprio l’Europa come Istituzione e come unione di cittadini, che anche questa volta ha visto la sua Unione fortemente minacciata. Come reagiranno le forze politiche? Quali sono le alleanze che si andranno a creare una volta in Parlamento? Al momento En Marche “”è solo Macron”, quali forze saprà coinvolgere nelle sue operazioni di Governo? Macron parla di “un lavoro incessante per la Francia”, per ridurre le disparità sociali, per rendere di nuovo un paese coeso ed unito, che punti alla lotta al terrorismo, ma anche alla cooperazione internazionale.

Chi ha votato Macron? Non c’è nulla di strano a dire che il voto giovanile è quello che ha preferito un volto più favorevole all’Unione Europea, ma si sta parlando solo di questo secondo turno, perché al primo turno la scelta di Macron era quello di un elettorato più maturo, ma in questo caso i giovani si sono uniti per scegliere un candidato che abbia un’impronta fortemente europeista.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultime da

Vai a Inizio