Prishtina, Haradinaj rientra in Kosovo

in EUROPA by

Il tribunale francese ha respinto l’estradizione alla Serbia della ex ribelle del Kosovo Ramush Haradinaj.

La giustizia Serba di Belgrado lo accusa di crimini di guerra commessi nel giugno 1999 e per i quali è già stato giudicato e assolto dal Tribunale internazionale per i crimini di guerra grazie all’impossibilità dell’accusa di portare in aula i testimoni dei fatti che nel frattempo erano deceduti in circostanze misteriose o avevano ritirato le accuse.

Il leader Kosovaro era stato arrestato in Francia a Gennaio a causa di un mandato di cattura internazionale delle autorità Serbe e solo ieri ha rigettato la richiesta di estradizione di Belgrado.

A Prishtina sono stati giorni di grande apprensione per la decisione della corte francese che in caso di accoglimento avrebbe consegnato il presidente del Partito AAK alle autorità di Belgrado provocando una forte reazione della popolazione in Kosovo.

Nella giornata di ieri, 27 aprile, la città si preparava ad accoglierlo, atterrato alle 17.30 all’aeroporto locale dopo poche ore ha parlato ai suoi sostenitori nella piazza del parlamento che lo ha accolto con uno spettacolo di fuochi di artificio.

Anche la sua città natale lo ha aspettato e celebrato come eroe esponendo le bandiere Albanesi lungo la strada principale nonostante le terribili accuse che gli vengono mosse dalla Serbia sulle atrocità compiute dalle milizie sotto il suo comando durante la guerra del 1999.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*