GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Monthly archive

agosto 2016

Terremoto centro Italia, l’Esercito contribuisce al soccorso

Difesa/EUROPA di

“Noi ci siamo sempre”, recita lo slogan dell’Esercito Italiano. Ed è vero. Tra cumuli di macerie, strade dissestate e un oceano di disperazione. Operativi subito, sin dalle prime ore della sciagura, ad oggi sono850 i militari impegnati nei soccorsi alle zone colpite dal sisma tra Lazio e Marche. Efficienti e rapidissimi, hanno sollevato massi, ascoltato respiri, prestato attenzione a qualunque segnale lasciasse presagire una speranza di vita fra i sepolti dal terremoto. Sono andati avanti nelle ricerche dei dispersi gomito a gomito con le unità specialistiche di Vigili del Fuoco,Protezione Civile, Carabinieri, Aeronautica e Marina Militare, volontari e abitanti del luogo.

Uomini e donne in mimetica armati di piccone hanno scavato, trasportato detriti, installato torri di illuminazione, movimentato gli oltre 300 mezzi – tra camion pesanti, bus, gruppi elettrogeni, terne ruotate, pale caricatrici, escavatori cingolati, autocisterne, rimorchi e mezzi antincendio – messi a disposizione dalla Difesa per le esigenze del caso.

Al lavoro di giorno, per garantire la continuità dei primi interventi, di guardia la notte, contro gli sciacalli a caccia di case sventrate. Sul versante mobilità, immediato l’avvio della realizzazione di un by-pass del ponte Tre Occhi, punto cardine per l’accesso ad Amatrice, e cruciale per scongiurare il rischio isolamento della popolazione colpita. Il passaggio provvisorio, in via di completamento a poca distanza dalla struttura inagibile a causa del terremoto, è stato concepito dagli assetti del 6° Reggimento Genio Pionieri di Roma, in sinergia con i tecnici della Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia, come un guado a strutture scatolari con carreggiata di circa 6 metri: prefabbricati di calcestruzzo che attraversano il corso d’acqua senza ostruire la corrente.

Quanto al Ponte Rosa, invece, altra via di ingresso alla cittadina, i genieri hanno optato per un ponte militare di metallo, mentre in località Retrosi si prosegue con la costruzione di un collegamento finalizzato all’afflusso dei mezzi di soccorso.

Viviana Passalacqua

 

Iran: S-300 Missile System Deployed To Fordow Nuclear Site

Americas/Defence di

Iran has deployed the Russian-supplied S-300 surface-to-air missile defense system around its Fordow underground uranium enrichment facility, Iranian state media said Aug. 29, Reuters reported. A commander of the Islamic Revolutionary Guards Corps’ air defense force said the priority of thedefense system was only to protect the nuclear site. Iran and six world powers reached a deal in 2015 aimed at curbing Iran’s nuclear program in exchange for lifting economic sanctions imposed on Tehran over its disputed nuclear work. Enrichment of uranium at the Fordow facility, around 100 kilometers (60 miles) south of Tehran, has stopped since the implementation of the nuclear deal. Russia in 2010 canceled a contract to deliver S-300s to Iran, but Russian President Vladimir Putin lifted that self-imposed ban in April 2015, providing much-needed defense equipment to Iran’s military. In August, Iran said that Russia had delivered main parts of the system to the country, adding that it would be delivered in its entirety by the end of 2016.

Source STRATFOR.com

Afghanistan, NATO Resolute support mission status

Defence/South Asia di

WASHINGTON, Aug. 25, 2016 — Afghan forces are performing better this year than last year, and are generally on track with their offensive campaign plan and are on a positive trajectory, the NATO Resolute Support Missiondeputy chief of staff for communications said today.

Army Brig. Gen. Charles H. Cleveland, briefing the Pentagon press corps live via video conference from Kabul, began by offering the deepest sympathies of the command to the families of Army Staff Sgt. Matthew V. Thompson, who died Aug. 23 in Helmand province, and to the families of 12 people — seven of them students — who died yesterday in an attack on American University of Afghanistan in Kabul.

Thompson was killed when an improvised explosive device detonated during dismounted operations with his patrol and Afghan counterparts near Lashkar Gah. Officials said the blast wounded another U.S. service member, who is in stable condition, and six Afghan soldiers.

Cleveland said an investigation is being conducted to determine the exact circumstances of the event.

Train, Advise, Assist

The NATO Resolute Support Mission is a train, advise and assist effort that trains Afghans on everything from how to fire a weapon to how to fly an airplane, embeds advisers at multiple levels in the ministries of Defense and Interior, and helps with financial, material, logistics and intelligence assistance.

Resolute Support also trains, advises and assists at the ministry, army, police and the special forces levels, Cleveland said, adding, “We do have the authority under NATO to be able to go out and provide very tactical-level train, advise and assist to our Afghan partners.”

In most cases that takes place on a compound or a forward operating base, and Resolute Support advisers have the authority to go outside the wire to train, advise and assist Afghan partners as they conduct operations, Cleveland said.

“Our role in that, of course, is that we don’t participate, we don’t go on the objective, but we provide the assistance they require,” he said.

On the overall status in Afghanistan, Cleveland said the NATO mission has seen an uptick in fighting over the last month, specifically in Helmand and Kunduz.

“This is the heart of the fighting season,” the general said, “and we have absolutely been expecting that this is really when the Taliban were going to try and make their large push.”

Helmand Operations

Briefly summarizing the 2016 Afghan forces campaign plan, Cleveland said that at the end of March they began in Kunduz, essentially moving to the offense and trying to engage the Taliban.

They had success there and then defended Kunduz City, subsequently turning south and moving their main effort into Helmand, where “again in our view they had success,” the general said.

In central Helmand a U.S.-led train, advise and assist group is based at Camp Shorab, Their focus is to train, advise and assist the 215th Afghan National Army Corps, also based there, Cleveland said.

“Helmand has always been the Taliban’s main effort. It is their prime focus. It is where they invest the most energy,” the general added, noting that the Taliban began the 2016 fighting season with an offensive called Operation Omari in which they said they wanted to hold and seize terrain so they could start developing a sanctuary in Helmand.

Campaign Strategy

Cleveland said: “I would tell you candidly, the fighting was slower than we anticipated in Helmand … we thought the Taliban would launch strikes and attacks earlier but they didn’t start until the end of July. And … really what we’ve seen is, I’d refer to these almost as raids.”

As Cleveland describes it, 15 to 20 Taliban would assault a checkpoint or a district center, a smaller group of Afghan forces at the location would withdraw, the Taliban would loot the place, then the Afghan forces would come back and move them out.

“What we see is the Taliban are not able to hold any specific terrain. Most important is, they are not able to hold any of the population centers and that’s really what the Afghans have built their entire strategy on for this campaign season, is being able to secure key population areas as well as key infrastructure,” the general said.

This is the Taliban’s main effort, he added. Historically, this is where they want to be and they announced it at the beginning of the fighting season. Cleveland noted.

Afghan Air Force

Cleveland acknowledged the NATO Resolute Support Mission probably started late with the Afghan Air Force, but said now they are developing as quickly as possible, with eight A-29 Super Tucano aircraft that they’re using around the country to conduct close-air support.

The Afghan Air Force also has 23 operational MD-530 helicopters and received five more today. Cleveland said they’re using the helicopters in Helmand.

The general added that for about two weeks in Helmand the U.S. forces, under authorities given by President Barack Obama in mid-June, were conducting “a lot of” strikes.

“But since then, what you’ve really seen is the bulk of the strikes and the bulk of the air support is coming from the Afghans,” the general said.

“When we think about these new authorities, in many ways they are also a bridge to an Afghan capability to get their air force further developed, further integrated, further having the ability to use what they refer to as their Afghan Tactical Air Controllers, or ATACs,” he said, “and then being able to plot deliberate targets.”

Cleveland added, “So in our view they are making progress. They absolutely have a way to go, but often times when you hear about air strikes in Helmand or in Kunduz, it’s going to be Afghan air strikes with us coming in and providing some additional assistance as needed.”

Boko Haram: UN and WFP numbers about humanitarian crisis

“Abubakar Shekau fatally wounded”, Nigerian army announced on Twitter on August 23. Boko Haram presence in Nigeria decreased in the past months, but it’s not still defeated.

[subscriptionform]

[level-european-affairs]

Since 2009 it involved not only Borno State in Nigeria, but also Cameroon (109 people are waiting for execution in the last hours), Chad and Niger.

As reported by United Nations and World Food Programs, the humanitarian situation is very tragic:

– 1,4 million children in Nigeria are displaced in Nigeria, Cameroon, Chad and Niger;
– An estimated 475,000 children across Lake Chad are expected to suffer from severe acute malnutrition this year, up from 175,000 at the beginning of the year;
– 20,000 children was separated from their family;
– now 4,5 million people need food;
– it is estimated that at least 65,000 people in newly liberated but still inaccessible areas in Borno and Yobe are facing “famine-like” conditions;
– WFP requires $52 million to continue providing life-saving assistance until the end of the year in north-eastern Nigeria.
Giacomo Pratali

[/level-european-affairs]

Terremoto nel centro Italia, Amatrice, distrutta una casa su due

EUROPA di

Una scossa di 6.2 gradi alle 3.58 ha distrutto gran parte della piccola cittadina della provincia di Rieti.

Al momento le fonti ufficiali parlano di 22 vittime accertate ma il numero di case crollate fa prevedere un numero maggiore.

La cittadina in questi giorni ospita moltissimi villeggianti dalla vicina capitale.

Chiuse le strade di afflusso alla zona per permettere ai soccorsi di giungere rapidamente sul luogo.

Le prime testimonianze parlano di fughe precipitose dalle case fortemente danneggiate e dall’impossibilita di muoversi per tornare a Roma.

“Ci siamo svegliati all’improvviso e siamo riusciti ad uscire conbi bambini scalzi nel prato fuori casa” ci raccontano da Amatrice” la casa dovra essere abbattuta non e piu agibile”

 

Il caso Hamedan e il decision-making iraniano: una possibilità di cambiamento?

Difesa/Medio oriente – Africa di
I processi decisionali del sistema democratico-teocratico iraniano sono al centro dell’ultima analisi pubblicata dall’editore americano Strategic Forecast (Stratfor), nonché di un dibattito mai completamente sopito e, anzi, riacceso negli ultimi giorni dal caso della base aerea di Hamedan.
Dal 15 agosto, infatti, i caccia bombardieri Tu-22M3 dell’esercito russo hanno iniziato ad operare dal complesso militare dell’Iran centro-orientale – con scopi e obiettivi al momento non definiti pubblicamente dall’amministrazione Putin. Una prova di forza non indifferente da parte del Cremlino riguardo all’influenza in Medio Oriente in questo momento così delicato, da una parte; dall’altra, la scintilla che potrebbe innescare un dibattito quanto mai delicato nella scena politico-istituzionale della Repubblica Islamica.
4_142015_mideast-iran-nuclear-118201In questo come nella grande maggioranza dei casi, la chiamata a Mosca è stata effettuata direttamente dal Leader Supremo dell’Iran, l’ayatollah Ali Khamenei, previa consultazione dei più stretti consiglieri militari, scelti e nominati in prima persona. L’intricato e sentito dibattito sulla questione della base di Hamedan segue, dunque, paradossalmente una decisione già presa e difficilmente revocabile, a meno di dietrofront della Guida Suprema iraniana. Proprio per questo, venti membri dell’attuale legislatura – tra cui un conservatore, ben più moderato di Khamenei, di indiscutibile caratura politica come il presidente Hassan Rouhani – hanno chiesto quanto prima una sessione di aggiornamento a porte chiuse per porre all’ayatollah numerose domande su questa situazione.
Come evidente da questa vicenda, che già ha destato clamore e sollevato malumori nel paese, il dibattito politico-parlamentare e in particolare la forza dell’organo legislativo iraniano sono facilmente scavalcabili da parte dell’Ayatollah. Il parlamento dell’Iran (Majils), nonostante una storia ultra-centenaria e ricca di successi (come l’Oil Nationalization Bill del 1951 nel settore petrolifero e il ben più recente JCPOA, l’accordo sul nucleare del luglio 2015 con l’Occidente), è in declino dalla Rivoluzione Islamica del 1979, così come lo sono i suoi poteri decisionali e di influenza.
Con il contraddittorio nelle aule di rappresentanza del Majils – arena politica molto importante per il popolo iraniano – ridotto a mera formalità, dilaga il potere del Leader Supremo e degli organi da esso direttamente composti, come il Consiglio Supremo di Sicurezza Nazionale, lo Staff Generale dell’esercito e, soprattutto, il discusso Consiglio dei Guardiani della Rivoluzione. Proprio con quest’ultima istituzione, composta da dodici membri di fatto nominati – direttamente i sei religiosi, indirettamente i sei giuristi – dalla Guida, il parlamento iraniano ha avuto di recente rilevanti frizioni.
Il pomo della discordia tra Majils e Consiglio è la proposta, approvata la scorsa settimana dalla camera legislativa, di limitare il potere di veto dei “dodici” nei confronti dei vincitori delle elezioni, i futuri parlamentari eletti dal voto popolare – tema assai spinoso soprattutto durante la tornata elettorale del febbraio scorso per il parziale rinnovamento del parlamento. Ironicamente, e in maniera emblematica sui rapporti di potere in Iran, per entrare in vigore la coraggiosa proposta legislativa del Majils deve essere approvata dallo stesso Consiglio dei Guardiani.
La Repubblica Islamica dell’Iran è, formalmente, una repubblica presidenziale islamica: più calzante sembra, però, essere la definizione di teocrazia. Il suo, paradossale, sistema politico-istituzionale ha tuttavia finora trovato regolarmente, pur nello sbilanciamento dei poteri, situazioni di equilibrio – talvolta solide, talvolta meno. L’ultima parola è sempre del Leader Supremo, in questo momento un integralista sciita dalle posizioni spesso estreme come Khamenei – dichiaratosi nemico dell’Occidente, degli USA e di Israele e fautore della propria forma di “jihad”; a poco valgono in interni, esteri e difesa gli sforzi profusi dal presidente Rouhani e da un altro leader prominente come il portavoce del Majils Ali Larijani – il quale, come volevasi dimostrare, ha glissato con un “no comment” sul caso-Hamedan.
Tuttavia, proprio la portata della questione e la determinazione della fascia più moderata della politica iraniana potrebbero rivelarsi foriere di una possibilità di cambiamento. Khamenei, scrive Stratfor, potrebbe ritrovarsi, dopo il confronto lontano dai riflettori con Rouhani e gli altri esponenti politici, nella posizione di non poter più ignorare la pressante opinione popolare, rappresentata e mediata dal Majils, sulla presenza dei caccia russi a Hamedan. Si tratta, indubbiamente, di un banco di prova importante per i paradossali processi di decision-making dell’Iran, nonchè per gli equilibri interni e della regione mediorientale. Sarà dunque, fondamentale, capire i prossimi sviluppi della vicenda.
Di Federico Trastulli
Centro Studi Roma 3000

Regno Unito – “Italians and Uk”, presentato il progetto multimediale

EUROPA di

La comunità italiana è una delle più antiche, radicate e numerose del Regno Unito: per raccontare questa ‘storia d’amore’, Lorenzo Colantoni, giornalista, e Riccardo Venturi, fotografo di fama internazionale, hanno dato vita a un progetto multimediale, dal titolo “Italians and the Uk”, con la collaborazione della Farnesina e di National Geographic Italia. Ne è venuto fuori un libro, pubblicato da Peliti e Associati, un web-documentario (www.italiansandtheuk.it) e un fotoreportage che apparirà sul numero di agosto della rivista.

Secondo le stime, solo a Londra vivono 500 mila italiani. Una ‘storia d’amore’ che dura da più di un secolo, con risvolti inaspettati: pochi sanno, ad esempio, che il fish and chips, il piu’ britannico dei cibi da strada, ha radici italiane. Ma solo poche settimane fa il referendum sulla Brexit ha gettato nell’incertezza tutti gli stranieri comunitari residenti Oltremanica.

Per raccontare le storie degli “Italiani e il Regno Unito”, Colantoni e Venturi hanno svolto una ricerca sul campo, volta a ricostruire e raccontare il ruolo che i connazionali hanno avuto e tuttora hanno in Gran Bretagna, attraverso la presentazione di storie che parlano di creatività, lavoro e cooperazione. Un viaggio nel tempo, dalle prime migrazioni alla fine del 1800 fino ai giorni nostri, e nello spazio, dalla punta nord delle Orcadi fino all’isola di Wight sulla Manica, con l’obiettivo di descrivere l’eterogeneita’ della presenza italiana nel Regno Unito. Il tutto documentato da foto di attualità e da raccolta di materiali storici, documenti, vecchi giornali, oggetti e foto d’epoca.

U.S. Airstrikes Hit ISIL Targets in Libya

Defence/Middle East - Africa di

WASHINGTON, Aug. 17, 2016 — U.S. Africa Command officials today announced results of precision airstrikes conducted Aug. 16, against Islamic State of Iraq and the Levant targets in Sirte, Libya.

Africom is conducting the strikes at the request of, and in coordination with, the Libyan Government of National Accord, officials said.

The following targets were struck by U.S. forces:

— Seven enemy fighting positions.

— Four vehicle-borne bombs.

— One pickup truck with a mounted recoilless rifle.

— Twelve enemy fighting positions.

— One command-and-control vehicle.

These airstrikes bring the total number to 57, in support of Operation Odyssey Lightning, which began Aug. 1.

%CODE1%

Officials said the U.S. stands with the international community in supporting the GNA as it strives to restore stability and security to Libya. These actions and those taken previously will help deny ISIL a safe haven in Libya from which it could attack the United States and its allies, officials said.

 

Source: DoD Defense Media Activity

Benin, viaggio in un paese in bilico

Medio oriente – Africa di

Reportage dal Benin di Loretta Doro

Quando si atterra all’aeroporto di Cotonou si respira subito l’Africa, non quella turistica proposta dai tour operator delle agenzie di viaggio, con spiagge bianche e animali da zoo, ma un paese povero e pieno di contraddizioni. La folata di aria calda ti invade e il tasso di umidità, che a volte può raggiungere anche il 95%, si fa sentire.

Il Benin così poco conosciuto e cosi sorprendentemente con qualcosa da dire. Bisogna avere uno spirito di adattamento e la volontà di immergersi e capire quella realtà, senza mediazioni e propaganda turistica, nulla da riportare agli amici come tipica attrattiva “africana”.

 

Il Benin conta circa 10 milioni di persone ed è posto nell’Africa Occidentale confinante con il Togo, il Burkina Faso, Niger e Nigeria, mentre a sud si affaccia sul Golfo di Guinea, rimanendo uno dei paesi più piccoli di quella zona d’Africa.

La lingua ufficiale è il francese ereditato da un lungo colonialismo di quella nazione, il dialetto più diffuso, soprattutto nei piccoli villaggi della savana, è il fon.

La religione di stato è il vudù che convive con quella cristiana, animista e musulmana

La Capitale amministrativa e sede del Parlamento è Porto Novo, invece Cotonou è la città maggiore, considerata la capitale dal punto di vista economico e sede del Capo dello Stato e del Governo

Il Benin è un paese molto povero, privo di materie prime, per questo poco appetibile dagli investitori alla conquista di business

E’ una Repubblica presidenziale e quando viene eletto il nuovo presidente rinnova tutti i funzionari e politici portando con se tutto un entourage personale composto da amici e parenti, ma continuando a stipendiare i precedenti.

La corruzione, almeno fino al 2015 vigeva ovunque, dal piccolo favore alla grande opera, i governanti non ne fanno un mistero, negli ultimi anni il presidente si è messo in affari con la Cina, che è succeduta alla Russia e precedentemente alla colonizzazione della Francia.

Strade

L’arteria principale che collega il porto di Cotonou e che serve anche il Togo e Burkina Faso, è da anni un cantiere aperto causando disagi enormi.

Gli appalti per la costruzione di strade, negli ultimi anni sono stati completamente in mano ai cinesi facendo morire le pochissime aziende locali. Come moneta di scambio veniva usato il pregiato legno di tek, una patrimonio naturale che rischiava di essere devastata da accordi governativi scapestrati. Tutta l’attrezzatura e macchinari erano di origine cinese e i beninesi venivano considerati solo braccia per lavorare. Il rifacimento stradale non è continuativo e ogni tanto si trova la strada interrotta costringendo gli automobilisti a fare delle deviazioni improvvisate, senza indicazione alcuna per ritornare sulla strada maestra , si è costretti passare all’interno di piccoli villaggi, dove spesso si viene taglieggiati a cambio di poter proseguire. Spesso si creano degli ingorghi incredibili dovuti a camion che non riescono a darsi strada in questi passaggi sterrati strettissimi, causando di frequente risse tra gli autisti. Il tempo che ci vuole per un certo tragitto può essere anche triplicato o di più dovuto a questa mancanza di organizzazione e regole. Ci si può imbattere in taglieggiamenti anche da parte di squadre di polizia statale. Tutto ciò sembra stia cambiando, da quando, nell’Aprile 2016 è stato eletto il nuovo Presidente, Talon Patrice , importante industriale del cotone, che ha bloccato con un decreto, in attesa di una legge specifica, il commercio del legno verso i paesi stranieri, compresa la Cina, con la quale ha troncato tutti i rapporti combattendo anche molta la corruzione. I beninesi però a causa di queste limitazioni di fatto stanno subendo una crisi economica per le molte attività commerciali chiuse e per mancati salari che, anche se erano miseri, permettevano loro di sopravvivere , ma fa ben sperare che ci sia una rinascita con regole più democratiche che portino un beneficio economico anche per i poveri.

 

Il Benin ha proprio bisogno di regole e governabilità adeguata alle condizioni , a cominciare dalle strade nelle quali regna il caos più totale: non esistono diritti di precedenza, ne le più elementari regole di sicurezza, i mezzi sfrecciano in tutte le direzioni. A sinistra si trovano spesso dei camion lentissimi che vanno sorpassati sulla destra. A destra si vedono una moltitudine di moto, la maggior parte delle quali il guidatore indossa una casacca gialla che sta ad indicare il ruolo di moto-taxi chiamati Zemidjan. Ogni motorino può far salire anche 5-6 persone in modo molto precario senza la minima accortezza di protezione, solo il guidatore è obbligato a portare il casco , i passeggeri, compresi bambini molto piccoli in spalla alle madri che ad ogni curva ti viene l’istinto di correre a sorreggerli, non c’è nessuna regola . Di recente è stata destinata una corsia preferenziale, ma esiste solo nell’arteria principale delle due grandi città, le uniche strade asfaltate, tutte le altre sono sterrate con buche che sembrano crateri e segnaletica inesistente. Si vedono lungo le strade degli autocarri e camion che creano un scenario surreale, con dei carichi sporgenti fino all’inverosimile ed essendo molto datati sono spesso in avaria, dove si rompono rimangono anche per una settimana intera prima di venire spostati incuranti se quella sosta avvenga in mezzo alla careggiata e in luogo pericoloso per gli altri automobilisti. Lo smog è a livelli altissimi causato dalla grande concentrazione di veicoli lenti e molto vecchi che sputano dai tubi di scappamento del fumo nero e denso. Anche il suono dei clacson è assordante: ci sono svariati motivi per suonarlo; per salutare, per offendere, per sorpassare, per svoltare.. qualsiasi comunicazione tra autisti viene fatta con questo mezzo assordante, è estremamente difficile per chi non è abituato, guidare in mezzo a questo caos, sembra che in questo paese la regola sia non avere regole. Questo lo si può constatare guardando lungo le strade dove avvengono la maggior parte delle attività giornaliere degli abitanti ciò significa dormire, mangiare, cucinare, urinare, pettinarsi, vendere ogni tipo di oggetto e di alimento coperto da una coltre di sabbia e di insetti, per noi europei è proibitivo assaggiare qualsiasi cosa a loro commestibile tranne qualche banana appena colta, togliendone con molta cautela la buccia. Se si vuole intraprendere un viaggio in pullman ci si può recare nella grande piazza di Cotonou, con una stella rossa come monumento centrale, dove regna una grande confusione e senza indicazione alcuna è molto difficile per noi comuni europei, infatti ci si può trovare ad essere gli unici bianchi in mezzo a tutte persone di colore. L’autista parte quando una specie di controllore con un frustino in mano cerca di scacciare le persone che vogliono salire, significa che il pullman è esaurito, sembrano scene irreali, ma a guardarli in faccia e non vedendo nessun stupore, ma solo un disappunto di non poter salire, fa pensare che per loro sia “normale”. Il viaggio poi si rivela molto faticoso e folcloristico, con persone che ad ogni fermata salgono con dei cellulari per farti fare una telefonata a pagamento o delle donne con in testa enormi cestoni che vogliono venderti a tutti i costi, frutta e bibite dissetanti, si perché dopo qualche kilometro l’aria condizionata “sparisce” sostituita da umidità, odori e caldo. Per i viaggi medio lunghi sono previste anche fermate pipì-stop, dove uomini o donne indistintamente scendono e fanno i loro bisogni lungo la strada. Non ci sono limitazioni di comportamento per i passeggeri, si può mangiare, pregare, sentire la radio altissima che unito al caldo e ai dossi che sembrano dei valichi appuntiti che da un momento , pensi, faranno perdere qualche ruota, crea un disagio enorme. Però se si vuole cambiare mezzo di trasporto, si può optare per un taxi ! Autoveicoli fatiscenti spesso con dei copri sedili di finta pelliccia, naturalmente senza aria condizionata, con passeggeri a volontà, fatti salire appiccicati come sardine, con autisti esagitati, incuranti di qualsiasi minimo codice stradale e ti senti precariamente in mano alla provvidenza.

Mercati e piccolo commercio

L’attività di piccolo commercio è l’unica fonte di reddito per sopravvivere e qualsiasi prezzo va contrattato con molto veemenza

Si trova di tutto, dal cibo alla benzina, dai telefonini alle poltrone, praticamente ogni cosa. Ci sono anche dei mercati permanenti dove si può trovare tutto ciò che serve alla loro vita quotidiana, ma le strade sono un serpentone di bancarelle improvvisate con “commessi” di tutte le età dai bambini piccolissimi a vecchi, a donne che ad un certo punto si mettono a cucinare e a pettinare o far fare i propri bisogni ai bambini più piccoli, con un miscuglio di odori a volte insopportabile, la loro vita praticamente la svolgono in strada, senza una dimensione privata mettendo in condivisione e visione ogni aspetto delle esigenze quotidiane.

Il Vudù

Spesso lungo le strade secondarie si notano degli oggetti vicino a fuochi spenti e oggetti vari, come teste di cane o di pollo, bamboline di pezza, antiche maschere o semplicemente oggetti bruciati: sono i feticci rimasti da recenti riti vudù.

Il Vudù è nato in Benin, poi portato soprattutto in Brasile e Haiti attraverso gli schiavi. La si ritiene una delle religioni più antiche del mondo. La religione vuduista attuale combina elementi ancestrali estrapolati dall’animismo tradizionale africano che era praticato nel Benin prima del colonialismo e concetti tratti dal Cattolicesimo. Il Vudù è praticato da circa 60 milioni di persone in tutto il mondo. A differenza di quanto si ritiene, il Vudù non è solo legato alla magia nera, ma è una religione a tutti gli effetti, dotato di dottrine morali e sociali oltre che di una complessa teologia.

Ogni anno il 10 Gennaio, si celebra la giornata mondiale del Vudù. E’ una grande festa, con canti e suoni con un folcloristico corteo che parte dal santuario del dio serpente, all’interno del quale vivono centinaia di pitoni venerati, sfamati e custoditi 24 ore al giorno con sacrale attenzione. È la spiaggia di Ouidah la meta finale ad accogliere i riti, celebrazioni, travestimenti etc.. dei devoti vuudisti che accorrono da tutto il mondo.

Sfruttamento dei bambini

Chi visita il Benin deve essere pronto a capire e assorbire senza chiedersi tanti perché. Un paese poverissimo e sfruttato dai potenti, ma a sua volta sfruttatore verso i più deboli, per esempio, puoi imbatterti in accompagnatori di ciechi. La cecità è molto diffusa  causata da infezioni non curate, malattie ereditarie, punture di insetti etc.. Molti adulti ciechi benestanti, sono assistiti in tutte le loro esigenze da parte di bambini, venduti dalle proprie famiglie per pochi soldi. Questi ragazzini, vengono trattati alla stregua di schiavi, molto spesso maltrattati. È normale vedere per strada ciechi accompagnati da bambini che, essendo stati acquistati in villaggi dispersi nella savana, non hanno nessuna cognizione di dove si trovano e come accade spesso quando tentano di fuggire, non riescono a trovare la strada di casa e vagano in città fra stenti e soprusi, stessa sorte destinata quando il “padrone” muore, perché non essendo più utili vengono abbandonati al loro destino.

Nel Benin è molto diffuso la vendita dei bambini.

La povertà è il motivo per cui i bambini vengono venduti e inviati al lavoro, è un modo per alleggerire il peso sul resto della famiglia.

Questo comportamento porta allo sfruttamento, abusi e privazioni a questi ragazzi senza colpe.

Ricordiamo che in Benin è normale che una coppia abbia 8/12 figli, e che le ragazze spesso diventano mamme a 12/13 anni.

I bambini vengono acquistati per ogni tipo di lavoro e tra i più pesanti troviamo quello dello spaccapietre. Numerosi piccoli manovali si trovano a lavorare con un martello, spesso enorme rispetto alle loro manine e fin dalle primi luci dell’alba spaccano colpiscono un grosso sasso, fino a renderlo a pezzettini di pochi centimetri, usati poi come materiale edile di costruzione. Si trovano dei veri e propri cantieri fatti da piccole capanne di paglia e i bambini stanno seduti sulla nuda terra, con davanti tante bacinelle da riempire, è una tristezza vedere i loro occhi rassegnati al loro futura privo di speranza. Lo stato del Benin sotto pressioni insistenti da parte di organi mondiali che denunciavano lo sfruttamento dei bambini, ha introdotto una legge che obbliga denunciare lo schiavismo e dichiarare la destinazione dei bambini lavoratori, ma di fatto non viene rispettata e quasi per disprezzo spesso i cartelli si trovano proprio davanti ai cantieri degli schiavisti dei spaccapietre .

 

 

SCHIAVI VERSO LE AMERICHE

In Benin quando si parla di sfruttamento non può non tornare alla mente la storia della tratta degli schiavi che venivano portati nelle piantagioni di cotone nel sud America.

Il Benin è stato uno dei paesi africani più coinvolto nella esportazione degli schiavi.

I regnanti trattavano con gli schiavisti e scambiavano con oggetti anche di poco valore la vita di un uomo( es: 4 persone per 1 pipa, 12 per un fucile….)   A Ouidah nel 2000 è stato eretto un monumento chiamato “La porta del non ritorno” proprio perché le persone catturate partivano da quella spiaggia per le Americhe, imbarcati nelle navi ammassati al limite della sopravvivenza e non facevano più ritorno. È un monumento molto eloquente, visto che da un lato si vedono di spalle due colonne di schiavi che vanno verso una nave, mentre dal lato opposto le due file si vedono di fronte, evidenziando lo sguardo di rassegnazione e le catene che li legano.

 

LE PALAFITTE DI GANVIE’

Nel Benin, più precisamente nel lago di Nakouè si trova una vera e propria città su palafitte che conta circa 30.000 abitanti, si tratta di Ganvié, che significa “La comunità di coloro che finalmente hanno trovato la pace”. Il villaggio è nato nel XVIII secolo, lo si può visitare contrattando un dei proprietari di piccole imbarcazioni che sono stati accorti nel capire l’attrattiva di questo luogo per un visitatore che si trova davanti ad una storia affascinante e la curiosità stimola ad approfondire e a vedere.

Le leggende raccontano che nel 1700 la tribù dei Tofinu cercava di sfuggire ad un gruppo di guerrieri, i Fon, che battevano i villaggi vicini alla ricerca di uomini da vendere come schiavi. Nella fuga si imbatterono in un lago vicino al mare, dove iniziarono a costruire le loro case: solo l’acqua poteva salvarli in quanto un tabù vietava ai Fon anche solo di sfiorarla. Da quel villaggio i Tofinu non si sono mai più spostati, e le poche capanne di allora sono proliferate a centinaia lungo diversi chilometri della costa. In questa città galleggiante, le condizione igienico-sanitarie sono allarmanti: si trova sporcizia ovunque e si vedono bambini frugare tra le immondizie assieme agli animali. gli indigeni che vivono la loro vita spostandosi da una palafitta all’altra con delle piccolissime imbarcazioni, anche solo per andare a trovare un amico in improvvisati bar o acquistare in altrettanti negozi galleggianti, nelle piccole porzioni di terra ferma convivono scrofe e bambini, sacchetti di plastica, tanti, segno del progresso , se ne vedono a grandi quantità in tutto il Benin dalle città ai paesini sperduti o in questi città galleggianti . Qui la vita sembra anche ben organizzata, ogni giorno molte donne con tanti piccoli figli attorno e sempre uno appeso alla schiena, percorrono circa 8 kilometri per andata e 8 per il ritorno, remando sopra piccole piroghe, per raggiungere il mercato permanente di Abomay dove possono comperare o barattare prodotti per la loro sopravvivenza. Sembra impossibile che così tante persone vivano in queste precarie condizioni. Gli uomini, anche in questa città galleggiante, come in tutto il Benin, generalmente non lavorano e spesso si possono vedere ubriachi appoggiati agli alberi o a dormire lungo le strade.

Visitando il Benin molte certezze sull’umano vacillano, ma la voglia di capire e di aiutare deve superare le proprie paure e ritrosie morali.

Un viaggio che fa riflettere e mette a dura prova la resistenza fisica e psicologica, ma ci si deve lasciare guidare da odori, sapori e colori di storia tutta da scoprire.

 

 

Loretta Doro

 

 

 

Nuovi bombardamenti anti-IS della coalizione internazionale in Siria e Iraq

Asia di

Continuano gli attacchi aerei da parte della coalizione internazionale a guida statunitense sui territori siriani e iracheni controllati controllati dall’autoproclamato Stato Islamico (IS). Ad aggiornare sulle ultime operazioni un comunicato ufficiale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Particolarmente proficui i bombardamenti della giornata di sabato 13 agosto – come tutte le altre operazioni, inseriti all’interno dell’operazione “Inherent Resolve”, che ha come obiettivo la definitiva neutralizzazione di IS in Siria e Iraq.

Quattro di essi sono stati condotti in Siria, nelle zone di Abu Kamal, Dayr Az Zawr e Manbij: particolarmente colpito il giro petrolifero del gruppo terroristico nel paese di Assad. Il grosso delle operazioni aeree – ben dieci bombardamenti – sono state tuttavia condotte in Iraq, dove più le forze di terra sono state coadiuvate dal supporto dei velivoli della coalizione internazionale nella loro avanzata.

Bombe su quattro zone di guerra come Mosul, Qayyarah, Ramadi e Sinjar, nonchè nei pressi della capitale Baghdad, dove nelle ultime settimane IS ha intensificato le sue operazioni terroristiche. Neutralizzate molti veicoli e infrastrutture dell’organizzazione facente capo ad Abu Bakr al-Baghdadi, tra cui torri di comunicazione nei dintorni di Baghdad, alcune autobomba, postazioni tattiche per cecchini, mortai, punti di osservazione e centri di comando.

Nell’ambito dell’operazione “Inherent Resolve”, dunque, il fronte aereo continua ad essere fondamentale – e a dare risultati importanti – nella guerra contro IS in Siria e Iraq. Il Dipartimento della Difesa statunitense ha specificato i paesi facenti parte della coalizione internazionale che agisce contro Daesh con operazioni aeree: Stati Uniti, Australia, Canada, Danimarca, Francia, Giordania, Olanda e Regno Unito in Iraq; Stati Uniti, Australia, Bahrain, Canada, Danimarca, Francia, Giordania, Olanda, Arabia Saudita, Turchia, Emirati Arabi Uniti e Regno Unito in Siria. L’Italia non ha preso parte ad alcuno di questi bombardamenti.

di Federico Trastulli

Redazione
Vai a Inizio