Croce Rossa Militare, lettera aperta alle istituzioni

in Difesa by

Prosegue il percorso di smilitarizzazione del corpo militare della Croce Rossa, uomini e donne di un corpo volontario che dalle prime fasi dell’unità nazionale è stato impegnato su tutti i fronti al servizio della nazione.

Il provvedimento di smilitarizzazione nasce dal governo Monti che con il D.lgs n.178 del 2012 ha gettato le basi per una completa riorganizzazione della Croce Rossa Italiana. Il decreto prevede la trasformazione e la soppressione dell’Ente pubblico che verrà sostituito da una società privata alla quale verranno conferiti tutti i beni strumentali dell’attuale ente.

La sorte dei circa 4.000 dipendenti della Croce Rossa Italiana, di cui 1.200 militari, è assolutamente incerta come del resto quella di tutto il patrimonio dell’ente in termini di esperienza, professionalità e capacità operativa che solo un ente di ispirazione militare può dare.

Per questo in attesa che si riesca a fare luce sul futuro del personale della Croce Rossa Militare pubblichiamo una lettera aperta inviata da uno dei 1.200 militari in servizio di assistenza medica sulle imbarcazioni che soccorrono i migranti in fuga dalle coste africane.

lettera di un soldato cri

 

%CODE1%

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*