GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Monthly archive

marzo 2016

IOM: 164,752 arrivals in 2016, 531 deaths

BreakingNews @en di

164,752 migrants or refugees entered in Europe by sea in 2016: 149,534 in Greece (366 deaths in Eastern route), 15,218 in Italy (165 deaths in Central and Western Route). These are IOM numbers about the EU immigration from January to March 2016. A report which certifies a new migration route map.

[subscriptionform]
[level-european-affairs]
A new migration route map which means two different origins. Indeed, Sub-Saharian people usually prefer pass through Libya and Italy to reach Europe. While Syrians and Iraqis have definitely chosen the Greek route. As reported by Hellenic Coast Guard, “77,392 of the newly arrived migrants are from Syria, 38,116 from Afghanistan, 23,078 from Iraq, 5,085 from Pakistan and 4,369 from Iran.” And from January 2015 to March 2016 IOM calculated “1,003,184 arrivals to Greece by sea.”

And like Kelly Namia of the IOM Athens office said, “It should be emphasized that there was a significant decrease in daily arrivals in March 2016, when 24,727 have reached Greece. The majority of the newly arrived migrants have reached the island of Lesbos, which accounted for 58% of the overall arrivals. Another 23 % arrived in Chios, 6% in Samos and 6% in Leros.”

 

Arrivals by sea and deaths in the Mediterranean (http://www.iom.int/news/mediterranean-migrant-arrivals-2016-164752-deaths-531)

1 January – 29 March 2016

 Country of Arrival

Arrivals

Deaths

Italy 15,218 165 (Central and Western Med route)
Greece 149,534 366
(Eastern Med route)
Estimated Total 164,752 531

 

  Arrivals by sea to Italy 
January – March 2015/2016
(
Source: Italian Ministry of Interior)

2015

2016

January

3,528

5,273

February

4,354

3,827

March

2,283

6,118 
(Estimate as of 29 March)

Total

10,165

15,218 
(Estimate as of 29 March)

Redazione

[/level-european-affairs]

La Corea del Nord testa un nuovo missile balistico

Asia di

La Corea del Nord ha fatto un altro passo verso uno dei suoi obiettivi prioritari: realizzare un missile inter-continentale che sia in grado di trasportare una testata nucleare e colpire in modo accurato il nemico, anche a migliaia di chilometri di distanza.

Nelle ultime ore infatti i media statali hanno diffuso la notizia che Pyongyang ha testato con successo un nuovo motore a combustibile solido in grado di aumentare considerevolmente la potenza del suo arsenale missilistico. Il test fa parte di un più ampio progetto, volto allo sviluppo di un missile balistico a lunga gittata (ICBM, InterContinental Ballistic Missile), che sembra progredire rapidamente nonostante le sanzioni dell’ONU e i numerosi allarmi lanciati dalla Corea del Sud.

Dopo i recenti test nucleari di gennaio, la Corea del Nord continua dunque a muoversi in modo spericolato sul crinale che divide la retorica bellicista contro i nemici del sud e degli Stati Uniti e gli effettivi sviluppi sul fronte della tecnologia militare.

L’agenzia di stampa nazionale, la KCNA, ha salutato con orgoglio il successo del nuovo test, che “ha contribuito ad incrementare la potenza dei missili balistici”, aggiungendo che presto gli ingegneri nordcoreani saranno in grado di testare nuovi ordigni “capaci di colpire senza pietà le forze ostili”.

Anche il presidente Kim Yong-Un ha assistito al lancio dimostrativo, celebrandone immediatamente la riuscita. “Questo è un giorno storico ed indimenticabile”, avrebbe dichiarato davanti ai microfoni e ai taccuini dell’informazione di regime.

Il test rafforza di fatto la posizione di Pyongyang, dopo che la scorsa settimana, stando a quanto riportato dai media locali, era stato sperimentato con esito positivo il lancio ed il rientro in atmosfera di un  missile balistico che potrebbe presto o tardi essere attrezzato per trasportare una testata nucleare miniaturizzata.

Ai test militari, ancora una volta, si è alternata la retorica della provocazione. Mercoledì scorso il Nord ha minacciato di colpire l’ufficio presidenziale del Sud con una batteria di missili di grande calibro, aggiungendo che le unità speciali dell’esercito sono pronte ad entrare in azione. Il presidente sudcoreano Park Geun-hye ha deciso di replicare al tentativo di intimidazione, ordinando di aumentare lo stato di allerta e chiedendo all’esercito di essere pronto a rispondere alle “incoscienti provocazioni” di Pyongyang.

La tensione nella penisola coreana torna dunque a salire pericolosamente, in un momento in cui il regime del nord si sente stretto tra le nuove sanzioni decise dall’ONU, dopo gli ultimi test nucleari, e le esercitazioni militari congiunte che il Sud e gli USA stanno conducendo, come ogni anno, a poca distanza.

Esercitazioni che ovviamente hanno messo in allarme Pyongyang, che le considera come “prove di guerra nucleare” alle quali è necessario rispondere in modo deciso.

Nonostante i progressi sul fronte dei motori a combustibile solido, gli esperti ritengono che la Corea del Nord non sarà in grado, ancora per molti anni, di minacciare gli Stati Uniti con missili ICBM. Probabilmente parte dell’escalation verbale e propagandistica di Pyongyang va fatta risalire a motivazioni interne. Tra poco infatti dovrebbe tenersi il primo congresso del Partito dei Lavoratori nordcoreano dopo 35 anni e l’attuale leadership, rappresentata dal presidente Kim Yong-Un, ultimo della dinastia dei Kim, ha bisogno di portare sul tavolo qualche importante successo sul piano militare per riaffermare la propria legittimità come guida suprema.

Libyan crisis and human trafficking, the future of EuNavFor Med

Defence/Politics di

Eunavfor Med is ready for the operational phase B2. The war against the traffickers in the Mediterranean will be fought in Libyan territorial waters, «but many political and legal challenges must be solved before we can recommend this transition», says Admiral Enrico Credendino, head of the European mission. Critical issues depends on the failure of the executive of national unity, without which the United Nations can’t authorize the arrest of traffickers and the destruction of the means directly on the ground. On 7 October 2015, the European Parliament announced the strengthening of military missions in the Mediterranean, aiming to board, search and seizure the boats used by the smugglers. While the December signing in Morocco between some members of the Libyan social and political life for the formation of an executive of national unity turned out to be illusory, the head of mission of the United Nations Support (Unsmil), Martin Kobler, has welcomed the release of the establishment of the national unity government approved by the majority of the Libyan Parliament. But this announcement is not official. Waiting for a political stability that averts the threat of Daesh and legitimate EuNavFor Med to a local remedial action aimed to stop the migratory hemorrhage destabilizing Europe, the mission remains temporarily “suspended” at the stage 2, that of the war against smugglers within 12 miles nautical from the Libyan coast. Although the international community supports the prime minister Fayez Al Sarraj, received in Italy by Matteo Renzi, the situation becomes critical. France, America and Britain could intervene with future air strikes against Isis bases in Libya, favored by the current institutional chaos. The Foreign Italian Minister Paolo Gentiloni reiterates the urgency of the national government, and focuses on joint fight against terrorism. The chairman of the Senate Foreign Relations Committee, Pierferdinando Casini, shares the same opinion, and declares that «The attack on 7 January in Zlitan against a police training center is part of the Islamic State strategy to postpone the settlement of the national unity executive agreed between the parties and the UN». Without a government internationally recognized, Eunavfor Med is designed to stall. The command of the mission, however, suggests a future move to Stage 3, with operations even on the coast, in collaboration with the Libyan forces. The identification of objectives is necessary, to solve the intelligence gap on the smugglers’ business model. According Credendino, «When the stage 2B and 3 will start, other missions will be sponsored by the international community. Therefore the activities of EuNavFor Med and other operations should be coordinated in order to mitigate the risk of fratricide. The European operation’s mandate should be extended for the formation and training of the Libyan coast guard». The third step, which has not yet received the EU green light, would actually be the most effective, because the majority of the smugglers operate in Libyan waters. But as the Italian Foreign Minister Paolo Gentiloni affirms, «The UN Security Council can’t authorize an intervention without an express Libyan request». As for the results actually achieved, the mission has contributed to the arrest of 46 traffickers and to the destruction of 67 boats. 14 European countries are participating in EuNavFor Med: Italy, UK, Germany, France, Spain, Slovenia, Greece, Luxembourg, Belgium, Finland, Hungary, Lithuania, the Netherlands, Sweden. Currently, six European warships are engaged offshore Libya: an Italian one, an English one, a French one, a Spanish one and two German, but other ships should be made available from England, Belgium and Slovenia. Four helicopters, many drones and 1300 military will be added to these. The costs of military intervention – apart from an annually European contribution of 12 million Euros – are supported by the individual participating countries. Italy has contributed to the mission with a budget of 26 million euro and 1.020 soldiers.
Viviana Passalacqua

Boko Haram: siamo davvero al capolinea?

Oltre 800 ostaggi liberati dall’esercito nigeriano e molti jihadisti uccisi negli ultimi due mesi. Gli ultimi episodi in Nigeria rivelano che Boko Haram sta perdendo terreno. Tutto ciò potrebbe convalidare quanto dichiarato dal leader Abubakar Shekau nel video apparso sulla rete il 24 marzo, ovvero che “la fine sta arrivando”. Ma è davvero così? Boko Haram è stato sconfitto?

[subscriptionform]
[level-european-affairs]
Non solo contro la Nigeria, in particolar modo nello Stato di Borno. Ma anche in Camerun, Ciad e Niger. Negli ultimi due anni, Boko Haram ha provato ad espandere il proprio territorio in più regioni dell’Africa. Per questo motivo, 8,700 truppe provenienti da questi quattro Paesi hanno combattuto assieme contro l’organizzazione affiliata allo Stato Islamico. Fino ad oggi, con le dichiarazioni di vittoria del presidente Buhari. E, appunto, con il video di Shekau, rivelatore di una possibile fine della cellula terroristica.

Aldilà dei diversi temi geopolitici riguardanti la Nigeria, il dato di fatto è che, come già da European Affairs, Boko Haram ha perso molti villaggi conquistati dal 2009 ad oggi. Tuttavia, come confermato da fonti vicine all’US AfriCom alla testata nigeriana Premium Times, “Boko Haram continua a controllare diverse porzioni di territori del Nord così come sta facendo al Shabaab in Somalia”.

Pertanto, come dimostrato da queste frasi e da più fonti internazionali, Boko Haram esiste ancora ed è ben radicato nello Stato di Borno. In questo senso, le parole di Shekau potrebbero essere la testimonianza di un cambio di leadership all’interno della organizzazione affiliata all’Isis.
Giacomo Pratali

[/level-european-affairs]

Boko Haram: has the end really come?

BreakingNews @en di

Over 800 hostages freed by Nigerian army and several jihadists killed in the last two months. The latest events in Nigeria revealed that Boko Haram is regressing. And they’d certify what leader Abubakar Shekau said in a video published on March 24: “For me the end has come”. So, has Boko Haram really finished?

[subscriptionform]
[level-european-affairs]
Not only against Nigeria, especially in Borno State. But also against Camerun, Chad and Niger. During two last year Boko Haram tried to expand itself over several African regions. 8,700 troops from these four countries struggled against jihadist organization. Up until today, with Buhari’s supposed victory. And with the Shekau’s video, which seems to confirm this end.

Over all Nigerian geopolitical issues, it’s a given, as reported by European Affairs in the last news about Nigeria, that Boko Haram lost several villages in Borno States. But, as confirmed by US AfriCom to online newspaper Premium Times, “Boko Haram continues to rule very significant portions of the national northern territory as well as al Shabaab is still present in limited portions of Somalia”.

So, how confirmed by these sentences and how underlined by several international sources, Boko Haram end has not still happened. And Shekau’s announcement could mean a change of ISIS organization leadership.

 

Giacomo Pratali

[/level-european-affairs]

Al via l’offensiva economica di Teheran

L’accordo sul nucleare, reso esecutivo nel mese di gennaio, ha visto terminare molte delle sanzioni economiche che da decenni gravavano sulla Repubblica Islamica, decretando così il suo ufficiale reinserimento nella competizione economica internazionale. Tuttavia, come riferisce il Consiglio per il Discernimento, l’ostilità di molti paesi è ancora viva, così come la volontà di frenare la ripresa economica del paese. Parallelamente, la stessa fiducia dell’Iran nei confronti, ad esempio, di alcuni partner europei, dovrà essere riconquistata gradatamente. In altre parole, la scelta di Teheran verte ancora sull’ormai decennale strategia dell’economia di resistenza, che ha insegnato al paese a migliorare lo sfruttamento delle risorse interne e minimizzare la vulnerabilità e i danni derivanti dalle misure sanzionatorie. È proprio questa politica, infatti, che ha permesso all’economia iraniana di sopravvivere a decenni di isolamento, rimanendo (in termini di PIL) la seconda del Medio Oriente e la settima in Asia.

[subscriptionform]
[level-european-affairs]

L’apertura verso l’estero sarà, dunque, molto mirata: l’obiettivo è potenziare i settori chiave, continuando a sfruttare il patrimonio interno che ad oggi ha garantito buoni frutti, come ad esempio le infrastrutture industriali e l’industria petrolchimica. Priorità è data, perciò, agli investimenti dall’estero, all’aumento delle esportazioni di prodotti non petroliferi e al come ovviare al problema delle riserve di valuta estera ancora congelate dalle sanzioni. Nel momento in cui l’attenzione internazionale è concentrata sulla lotta all’ISIS, Teheran inizia la propria “offensiva” economica, gettando le basi per intese commerciali soprattutto con paesi asiatici e africani.

Per quanto concerne l’import-export, Iran e Russia stanno studiando la creazione di una zona di libero scambio, come ha affermato il ministro dell’Energia russo Alexsandr Novak. La prima bozza del progetto indica prodotti metallici e chimici come oggetto principale dell’export russo verso l’Iran; dall’Iran, invece, arriverebbero rifornimenti di frutta e verdure per un ammontare annuo di un miliardo di dollari, una crescita rilevante rispetto ai circa 194 milioni attuali.

Accordi significativi anche con il Vietnam. I due paesi mirano a incrementare il volume dei rapporti commerciali da 350 milioni a 2 miliardi di dollari nell’arco di cinque anni, con progetti in diversi settori, dall’agricoltura, al turismo, all’energia alle innovazioni tecnologiche. Al fine di favorire la cooperazione, è stato siglato anche un Memorandum of Understanding tra le rispettive banche centrali. Trattative in corso anche con la Turchia di Erdogan, la Costa d’Avorio e diversi paesi africani, che si dichiarano propensi a potenziare i rapporti economici con la Repubblica Islamica. I progressi compiuti da quest’ultima nel settore energetico, sanitario, tecnologico e delle infrastrutture la rende, infatti, un partner ideale per soddisfare le diverse esigenze del continente nero.

Per quanto riguarda il settore energetico, due i progetti principali in ballo. Il primo riguarda la costruzione di un gasdotto sottomarino che colleghi l’Iran all’India: 1.400 km di infrastruttura che permetterà di aggirare la zona economica esclusiva pakistana, portando in India fino a 31,5 milioni di metri cubi di gas al giorno. Un investimento importante, circa 4,5 miliardi di dollari, che conferma –e premia- le buone relazioni mantenute tra le due nazioni anche durante il regime delle sanzioni. La seconda novità riguarda una collaborazione scientifica e tecnologica tra l’Elettra Sincrotone di Trieste e l’Institute for Research in Fundamental Sciences di Teheran. Punti nevralgici la formazione del personale tecnico scientifico iraniano e la progettazione congiunta di una nuova linea di luce, da impiegare sia nello studio di fenomeni chimici e biologici, ma anche nel settore industriale.

Dal Pakistan arriva una svolta importante nel settore bancario. Essendo alcune sanzioni ancora vigenti, il pagamento in dollari dei prodotti importati dall’Iran non risulta ancora fattibile. Da qui la decisione da parte degli imprenditori pakistani di aprire lettere di credito (LC) in euro, anziché nella valuta americana. In questo modo, non saranno più le banche americane ad essere le intermediare, bensì quelle europee, che non avranno dunque motivo di non autorizzare il pagamento.

Sembra, dunque, che l’Iran abbia una chiara strategia economica in mente. Da un lato puntare sulle ricchezze interne, come ad esempio il petrolio – l’Iran inizierà a collaborare con gli altri paesi produttori circa il congelamento della produzione soltanto quando l’output iraniano raggiungerà la quota di 4 milioni di barili al giorno; dall’altro, potenziare settori economici chiave, intensificando i rapporti con le medie e grandi potenze asiatiche, privilegiandole sui paesi del Medio Oriente ed occidentali, segno evidente che la diffidenza nei confronti di chi più ha beneficiato delle sanzioni è lungi dall’essere superata.

 

Paola Fratantoni

[/level-european-affairs]

Iran’s economic offensive

Asia @en/Energy di

With the enforcement of the nuclear deal in January, several economic sanctions -which have wreaked havoc on Iran’s economy for years- has been lifted, thus paving the way for its re-integration into the international economic competition. However, as the Expediency Council points out, the hostility of many countries is still alive, along with their desire to curb the country’s economic recovery. Likewise, some countries, for example some European partners, will have to gradually win back Iran’s trust towards them. In other words, Tehran bets again on the well-known economy of resistance strategy, which has taught the country to maximize the use of national resources, while minimizing vulnerability and damage caused by sanctions. This policy, indeed, allowed the Iranian economy to survive decades of isolation, still being (in terms of GDP) the second of the Middle East and the seventh in Asia.

[subscriptionform]
[level-european-affairs]

The openness towards foreign countries will be carefully planned: the aim is to strengthen key economic areas, while continuing to exploit the internal resources, which have proved to be productive, such as industrial infrastructure and the petrochemical industry. Hence, priority is given to investment from abroad, increasing export of non-oil products and to address the problem of foreign exchange reserves still frozen by sanctions. At a time when international attention is focused on fighting ISIS, Tehran is launching its economic “offensive”, paving the way for trade agreements especially with Asian and African countries.

Concerning import-export, Iran and Russia are considering the creation of a free trade zone, as Russian Energy Minister Alexsandr Novak recently announced. The first draft of the project sets metal and chemical products as the main objects of Russian exports to Iran; in return, Iran would provide fruit and vegetables up to one billion dollars, a significant increase compared to the current trade ($194 million).

Important achievements also with Vietnam. The two countries aim to increase their trade value from 350 million to 2 billion over the next five years, with investment projects in several sectors, i.e. agriculture, tourism, energy  and technological innovations. In order to foster cooperation, their central banks have also signed a Memorandum of Understanding. Ongoing negotiations also with Turkey, Côte d’ Ivoire and other African countries, which are willing to enhance economic relations with the Islamic Republic. Iran’s achievements in energy, healthcare, technology and infrastructure make it an ideal partner to supply the needs of the African continent.

Two major projects are on the table in energy sector. The first concerns the construction of an undersea gas pipeline linking Iran to India: 1400 kilometers of infrastructure that will allow to bypass Pakistani exclusive economic zone, bringing up to 31.5 million cubic meters of gas per day in India. A big investment, about $ 4.5 billion, which confirms –and rewards- the good relations that the nations preserved even during the sanctions regime. The second new project is a scientific and technological cooperation between the Elettra Synchrotron of Trieste (Italy) and the Institute for Research in Fundamental Sciences in Tehran. Key points are the training of Iran’s scientific and technical personnel and the joint design of a new line of light, to be used both in the study of chemical and biological phenomena, and in industrial sectors.

Pakistan marks an important turning point in banking sector. As some sanctions are still in force, payment in dollars for products imported from Iran is not yet possible. Hence, Pakistani businessmen decided to open letters of credit (LCs) in euro rather than in the US currency. In this way, the American banks will be no longer the intermediate banks, but the European ones will clear the LCs.

To conclude, it seems that Iran has a clear economic strategy in mind. On the one hand, it focuses on internal resources, such as oil – Iran will begin to cooperate with other producing countries about freezing production only when the its output will reach the quota of 4 million barrels a day. On the other, it aims to strengthening key economic sectors, by intensifying relations with medium and big Asian powers, thus favoring them rather than Middle Eastern and Western countries, a clear sign that the distrust towards those who most benefited from sanctions is far from over.

 

Paola Fratantoni

[/level-european-affairs]

 

Egitto: la non verità su Regeni

EUROPA di

“I documenti di Regeni stato stati trovati nella casa di una sorella di uno dei banditi uccisi”. Questa la dichiarazione del ministro degli Interni egiziano Magdi Abdel Ghaffar, corredata dalle foto del passaporto del ricercatore italiano postate su Facebook, che confermano che il dottorando di Cambridge sarebbe stato prima rapito e poi ucciso lo scorso 3 febbraio da una banda criminale specializzata in rapine a stranieri. Una conclusione, quella degli inquirenti egiziani, non convincente e somigliante ad un depistaggio dalla verità.

[subscriptionform]
[level-european-affairs]
Il blitz delle forze di polizia all’alba di giovedì 24 marzo e la conseguente uccisione dei cinque rapinatori della banda responsabili del rapimento, della tortura e dell’uccisione Giulio Regeni sono stati confermati solo nella serata dal Ministro degli Interni. La pistola fumante sarebbe la borsa del ricercatore trovata a casa della sorella di uno degli uccisi, contenente passaporto, portafoglio, carta di credito e due cellulari.

Secondo quanto evidenziato dagli investigatori egiziani, la banda agiva fingendo di appartenere alle forze dell’ordine indossando le divise. Una motivazione che vuole di fatto fare passare come fraintendimento la convinzione del governo italiano e dei media internazionali che, dietro la morte del ragazzo, ci siano forze di polizia o servizi legati al presidente Al Sisi.

Nonostante l’annuncio dell’arresto dei possibili responsabili del delitto, continua ad essere questa la convinzione diffusa presso le istituzioni e i media italiani e internazionali. Proprio le incongruenze evidenti delle motivazioni fornite dal Ministro degli Interni egiziano avvalorano la tesi che sia proprio il governo egiziano a volere sotterrare la verità.

Innanzitutto, perché i rapinatori non si sono sbarazzati della borsa di Regeni? E poi, perché il rapimento e l’uccisione sono avvenuti a chilometri di distanza da dove agiva solitamente la banda? Infine, perché Giulio Regeni è stato anche torturato?

Questi elementi fanno supporre che la verità sulla morte di Giulio Regeni, così come la tragica scomparsa di tantissimi oppositori al regime di Al Sisi, sia di tutt’altra natura.
Giacomo Pratali

[/level-european-affairs]

North Korea tests a new ballistic missile

Asia @en di

North Korea has taken another step towards one of its priority objectives: to create an inter-continental missile that is capable of carrying a nuclear warhead and hit accurately the enemy, even thousands of kilometers away.

[subscriptionform]
[level-european-affairs]

In the last hours in fact, the state media have spread the news that North Korea has successfully tested a new solid-fuel engine that can significantly increase the power of its missile arsenal. The test is part of a larger project, aimed at developing a long-range ballistic missile (ICBM, InterContinental Ballistic Missile), which appears to progress rapidly despite UN sanctions and the numerous warnings issued by South Korea.

After the recent nuclear tests in January, North Korea, therefore, continues to move recklessly on the ridge that divides the bellicose rhetoric against the enemies of the South and the United States and the actual developments in terms of military technology.

The national news agency, KCNA, has proudly hailed the success of the new test, which “has  helped boost the power of ballistic rockets,” adding that North Korean engineers will soon be able to test new weapons “capable of striking mercilessly hostile forces “.

Even President Kim Yong-Un attended the demonstration launch, celebrating immediately its success. “This is a historic and memorable day,” he said in front of the microphones and notebooks of regime’s information.

The test actually strengthens the position of Pyongyang after that last week, according to reports by local media, launch and re-entry into the atmosphere of a ballistic missile, that could sooner or later be equipped to carry a miniaturized nuclear warhead, have been tested successfully.

The military tests, once again, was alternated by the rhetoric of provocation. On Wednesday the North has threatened to strike the presidential office of the South with a battery of large caliber rockets, adding that special army units are ready to go into action. South Korean President Park Geun-hye has decided to answer to the attempt at intimidation, ordering to increase the alert level and asking the army to be ready to respond to the “reckless provocations” by Pyongyang.

The tension on the Korean Peninsula therefore backs to rise dangerously, in a time when the Northern regime feels caught between the new sanctions imposed by the UN after the last nuclear tests, and joint military drills that the South and the US are conducting, as every year, at a short distance.

Drills that obviously alarmed Pyongyang, which considers them as “nuclear war moves” to which it must respond decisively.

Despite progress in terms of solid fuel engines, experts believe that North Korea will not be able, for many years, to threaten the United States with ICBMs. Probably part of the verbal and propagandistic escalation of Pyongyang can be connected to internal reasons. Soon it should be held the first congress of the Workers Party of North Korea after 35 years and the current leadership, represented by President Kim Yong-Un, the last of the Kim’s dynasty, needs to bring to the table some important success on the military field to reassert its legitimacy as supreme leader.

 

Luca Marchesini

[/level-european-affairs]

ISIS attacca Bruxelles: un altro fallimento dell’intelligence

BreakingNews di

Due esplosioni presso l’aeroporto di Bruxelles. Un’altra presso la fermata metro di Maelbeek. Almeno 34 morti e oltre 230 feriti. È questo il drammatico bilancio dell’attacco di matrice jihadista alla capitale del Belgio di martedì 22 marzo. La rivendicazione dello Stato Islamico è arrivata poco dopo. Come nell’attacco di Parigi del novembre scorso, anche in questo caso è evidente come i servizi di intelligence, stavolta belgi, abbiano fallito. Un fallimento ad appena quattro giorni dall’arresto, sempre a Bruxelles, dell’ideatore degli attacchi alla capitale francese, Salah Abdeslam.

 
La ricostruzione della mattina di martedì 22 marzo vive di due momenti drammatici. Il primo, alle 8 di mattina, quando due esplosioni di fronte al check-in dell’American Airlines nell’aeroporto di Zaventern. Il secondo, un’ora dopo, quando ad essere sotto attacco è la fermata metro di Maelbeek, in pieno centro, a pochi passi dagli edifici che ospitano le principali istituzioni dell’Unione Europea. Due sospetti, ripresi dalle telecamere del terminal internazionale, sono stati subito arrestati. Altri cinque sono tuttora ricercati dalle forze di polizia belghe.

Lo Stato Islamico ha subito rivendicato l’azione terroristica attraverso la sua agenzia stampa Amaq. Tuttavia, come riportato da diversi media internazionali, gli attacchi di martedì 22 marzo a Bruxelles sarebbero stati progettati di recente, subito dopo l’arresto di Salah Abdeslam, mente e protagonista degli attentati di Parigi del 13 novembre 2015.

Così come Parigi, anche Bruxelles è andata sotto attacco. Un attacco che segnala il fallimento dell’intelligence europea. Il primo ministro belga Charles Michel, nel corso della conferenza stampa subito dopo gli attentati, ha infatti affermato che già da diversi giorni governo e servizi segreti sapevano che la probabilità di attentati nella capitale era elevata.

1 2 3 5
Giacomo Pratali
Vai a Inizio