Nigeria, Chibok girls: trattative con Boko Haram?

in BreakingNews by

Il presidente nigeriano Muhammadu Buhari ha annunciato ai media di voler negoziare con Boko Haram il rilascio delle 200 studentesse rapite (“Chibok girls”) nel 2014: “Se può essere stabilito un leader credibile e ci dicono dove si trovano le ragazze, siamo pronti a negoziare con loro senza precondizioni”, ha riferito alla stampa.

[subscriptionform]
[level-european-affairs]
Nel frattempo, il 2015 si è concluso con altre 80 vittime di attacchi terroristici avvenuti nello Stato di Borno, soprattutto nella capitale Maiduguri. Lo scorso 28 dicembre, l’organizzazione affiliata al Califfato ha attaccato moschee, mercati e stazioni servendosi di ragazze kamikaze. Sono solo gli ultimi episodi di un dicembre segnato da un cruento ritorno alla violenza, nonostante le vittorie ottenute dagli eserciti nigeriano e camerunense contro le milizie jihadiste.

Allargando l’orizzonte, le statistiche riguardo Boko Haram sono chiare. Soprattutto in merito alla sua drammatica efficacia d’azione. Dal 2014, almeno 5600 civili sono stati uccisi, mentre oltre 2000 donne e bambine sono state ridotte in schiavitù o addestrate. Infine, come riportato dall’UNICEF, oltre un milione di bambini, tra Nigeria, Camerun, Ciad e Niger, ha abbandonato la scuola.
Giacomo Pratali

[/level-european-affairs]

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*