GEOPOLITICA DEL MONDO MODERNO

Monthly archive

gennaio 2015

Andrew Spannaus: “Greece’s challenge to the Euro”

Europe di

After Alexis Tsipras triumph in the Greek elections e and the birth of new government, a new political match is in operation between Athens, which would delete its economical debt, and Bruxelles, which demands the observance of austherity. European Affairs asked Andrew Spannaus, journalist and editor-in-chief of Transatlantico.info, his opinion about this new circumstance.

[subscriptionform]
[level-european-affairs]
“The victory of the Syriza party in the recent Greek elections has brought Europe to a crossroads: it is clear that the politics of austerity must be abandoned, but the institutions of the European Union cannot allow themselves to admit that their model is a failure. The result is a tension between appearances – which the EU aims to save at all costs – and the actual needs of the economy and the population.

During the election campaign, Alexis Tsipras laid out a clear position regarding the renegotiation of Greece’s debt, which essentially leaves only two alternatives: either he will hold the line and force Europe to accept a partial default, or he will give in to the pressure from the supranational institutions and be considered a failure by those who elected him.

The new Prime Minister worked hard to reassure everyone that he has no intention of abandoning the Euro, partially in response to fears around Europe of a market crash in reaction to his party’s victory. Yet the message sent by Greek voters is clear: no to the memorandum, no to the austerity policy that has caused so much suffering.

Tsipras’s debt proposal directly challenges the fundamentals of EU economics, calling for ignoring the restrictive budget parameters until the economy has returned to sustained growth. And some members of the new government have supported establishing a firewall between ordinary finance and speculation on the international markets, along the lines of the Glass-Steagall law in force in the United States until the 1990s.

This is diametrically opposed to the policy implemented over the past twenty-five years, from Maastricht, to the Stability Pact, to the Fiscal Compact.
Thus, the scenario before us calls into question the very existence of the Euro as we have known it.

It is clear that an attempt will be made to find a solution that salvages the image of the EU, by devising a compromise applicable only to the “special case” of Greece, and insisting that no broader changes are necessary.
The first requirement for such a solution would be that Greece accept something less than what it is asking. Europe will demand an act of submission, to make sure that other countries don’t seek to take advantage of the opening.

Indeed what the other countries do will be crucial. If the facade of the austerity policy dissolves, what will the Italians say? And the Spanish? And the Portuguese?

Will they continue to defend the impoverishment of the population because the recovery is “just around the corner,” or will they seize the chance to stand up and demand a more profound change?

Will they settle for throwing even more money at the financial markets through Quantitative Easing, and for the shell game of the Juncker Plan, or will they restore badly needed public investment?

Recent battles over European economic policy have led to only modest changes; some leaders promised to raise their voice, and others swore they would oppose the rules on deficit spending. But the basic framework has remained the same since the beginning of the 1990s, since the erosion of national sovereignty began, accompanied by policies increasingly favorable to international financial interests.

As we have all seen since 2008, such a policy cannot survive for long: it will have to change, either in an orderly way, or by the more messy route of social and political upheaval.

The Greek elections offer an opportunity to begin a process of rational change, but this will require courage on the part of numerous governments, a quality which does not seem to be in great abundance nowadays”.

Giacomo Pratali

[/level-european-affairs]

Andrew Spannaus: “La sfida della Grecia all’Europa”

EUROPA di

Dopo il trionfo di Alexis Tsipras nelle elezioni in Grecia e la formazione del nuovo governo, si è aperta una nuova partita politica tra Atene, che vorrebbe la cancellazione del suo debito, e Bruxelles, che chiede invece il rispetto delle politiche di austerità. European Affairs ha chiesto ad Andrew Spannaus, giornalista e Direttore di Transatlantico.info, un’opinione su questa tematica.

[subscriptionform]

[level-european-affairs]

“La vittoria di Tsipras alle elezioni greche pone l’Europa ad un bivio: è evidente la necessità di abbandonare la politica di austerità, ma le istituzioni europee non possono ammettere che il loro modello è fallito. Si crea dunque una tensione tra l’apparenza politica – da salvare ad ogni costo – e le necessità reali della popolazione.

Nel corso della campagna elettorale Tsipras ha espresso una posizione netta in merito alla rinegoziazione del debito greco, che in apparenza lascia solo due alternative nette: o va fino in fondo e costringe l’Europa ad accettare una sorta di default, oppure cede alle pressioni e alla ‘ragione di (super)stato’.

Il nuovo capo del governo ha lavorato per rassicurare tutti che non intende portare la Grecia fuori dall’Euro, in ossequio alla necessità espressa di evitare un crollo dei mercati finanziari in risposta alla vittoria del suo partito. Tuttavia il messaggio degli elettori greci è chiaro: no al memorandum, no al cosiddetto rigore che ha causato tanta sofferenza. La proposta di Tsipras sfida direttamente le fondamenta dell’Unione Europea: rifiutarsi di rispettare la politica del bilancio fin quando non ci sarà una crescita economica sostenuta. Proposta che è esattamente il contrario della linea degli ultimi decenni, da Maastricht al Patto di Stabilità al Fiscal Compact.

Lo scenario che si apre mette quindi in dubbio l’esistenza stessa dell’Euro e la coesione dell’Europa. Non ci sono dubbi però che si cercherà una soluzione che salvi l’immagine dell’Unione, tentando di derubricare un eventuale compromesso come un “caso singolo” che non deve applicarsi agli altri paesi.

La prima conseguenza di una tale soluzione è che servirà un passo indietro dei greci, almeno nei fatti. L’Europa esigerà un qualche atto di sottomissione, per evitare che anche gli altri paesi arrivino con le richieste più varie.

E saranno cruciali proprio gli altri paesi. Se ormai è evidente che la ricetta tagli e tasse non funziona, cosa diranno gli italiani, gli spagnoli, i portoghesi? Continueranno a difendere l’impoverimento della popolazione perché ora è in arrivo “la ripresa” oppure coglieranno l’occasione per alzarsi in piedi e rivendicare un cambiamento più profondo?

Si accontenteranno di ulteriori soldi dati ai mercati finanziari attraverso il Quantitative Easing e dei soldi riciclati del Piano Juncker, o chiederanno un ritorno agli investimenti pubblici?

Finora le battaglie di politica economica europea hanno portato a cambiamenti molto piccoli; c’è chi voleva battere i pugni sul tavolo, chi allentare i parametri sul deficit. Ma l’impianto di base rimane quello stabilito oltre vent’anni fa, quando l’ordine di marcia fu di rimuovere la sovranità nazionale e garantire una politica favorevole ai grandi interessi finanziari.

Come si è visto dal 2008 in poi una siffatta politica non può reggere a lungo: sarà modificata o in modo ordinato, o attraverso degli sconvolgimenti sociali. Le elezioni greche offrono un’occasione per cambiare in modo ragionevole, ma questo richiederà dei passi coraggiosi da parte di numerosi governi, che finora non si sono distinti in questo senso”.

Giacomo Pratali

[/level-european-affairs]

Central African Republic – inaugurated the bridge built by Italian engineers

Senza categoria di

Bangui January 29 – E ‘was inaugurated today the metal bridge of 24 meters built by the Italian military genius of the European mission EUFOR RCA to bring together three areas of the Central African capital divided by the collapse – in 2010 – the structure that exceeded a large water channel, never restored because of the civil conflict.

The bridge ‘Sewa’ – ‘units’ in the local language – is a European initiative to support security, economic development and reconciliation among the various interfaith community of Bangui. The project took part in several European Union countries: the Czech Republic provided the modular metal structure fabrication Polish, then transported to the care of Sweden and finally assembled by the military of the Italian Army, under the supervision of technicians German and Czech.

6--UNITY-BRIDGE-MOUNTING-2Consisting of more than 1,000 items, over two days the bridge was built modular and pushed by hand between the two sides of the channel from the men of the 2nd regiment of the brigade genius Julia stationed in Trento.
The initiative carried out by EUFOR RCA is part of European projects in support of the population made in cooperation with the Central African authorities. In particular, the metal bridge built by Italian engineers anticipated temporarily permanent bridge under construction in the same area with funding from the European Union, which is the first development partners of the Central African Republic.

The ribbon-cutting ceremony took place at the hands of General Philippe Pontiès – operational commander of EUFOR RCA – and the President of the Central African Republic Catherine Samba Panza, in the presence of the highest authorities of the Central African and the representatives of the international community, including the Ambassador at the head of EU Delegation Jean-Pierre Reymondet and the honorary Consul of Italy in Bangui Stefano Giuliani.
In his speech before the inauguration, the top French official, after evoking the spirit of the European operation, based on “openness, dialogue, mutual respect in order to facilitate the return of stability and security for all in the context neighborhoods strongly marked by clashes of December 2013 “, stressed the exemplary cooperation between European nations, citing among other things the fundamental role of the Italian genius in the assembly of the structure.

There are 13 European countries that make up the European Union military force in the Central African Republic, consisting of approximately 700 units operating in the capital Bangui, but the financial and logistical support of the mission involves all 28 countries of the Europe.
Italy contributes to the EUFOR mission since last August with a unit of genius currently consists of the Alpine sappers of the 2nd Regiment of Trento who alternated in December colleagues 8th genius of the Thunderbolt paratroopers stationed in Legnago (Verona).

Centrafrica – inaugurato il ponte costruito dai genieri italiani

Medio oriente – Africa di

Bangui 29 gennaio – E’ stato inaugurato oggi il ponte metallico di 24 metri costruito dal genio militare italiano della missione europea EUFOR RCA per riunire tre zone della capitale centrafricana divise dal crollo – nel 2010 – della struttura che superava un ampio canale idrico, mai più ripristinata a causa del conflitto civile.

39---UNITY-BRIDGE-THE-DAY-AFTERIl ponte ‘Sewa’ – ‘unità’ in lingua locale – rappresenta un’iniziativa europea a sostegno della  sicurezza, dello sviluppo economico e della riconciliazione interconfessionale tra le diverse comunità di Bangui. Al progetto hanno preso parte numerosi Paesi dell’Unione Europea: la Repubblica Ceca ha fornito la struttura metallica modulare di fabbricazione polacca, successivamente trasportata a cura delle Svezia e infine assemblata dai militari dell’Esercito italiano, con la supervisione di tecnici tedeschi e cechi.

Composto da oltre 1000 elementi, nell’arco di due giorni il ponte modulare è stato costruito e spinto a mano tra le due sponde del canale dagli uomini del 2° reggimento genio della brigata Julia di stanza a Trento.

L’iniziativa portata a termine dalla missione EUFOR RCA si inserisce nel quadro dei progetti europei a sostegno della popolazione realizzati in cooperazione con le autorità centrafricane. In particolare, il ponte metallico realizzato dai genieri italiani ha anticipato temporaneamente il ponte permanente in costruzione nella stessa zona grazie al finanziamento dall’Unione Europea, che è il primo partner per lo sviluppo della Repubblica Centrafricana.

6--UNITY-BRIDGE-MOUNTING-2Il taglio del nastro è avvenuto per mano del Generale Philippe Pontiès – comandante operativo di EUFOR RCA – e della Presidente della Repubblica Centrafricana Catherine Samba Panza, in presenza della massime autorità centrafricane e dei rappresentanti della comunità internazionale, tra cui l’Ambasciatore a capo della Delegazione UE Jean-Pierre Reymondet e il Console onorario d’Italia a Bangui Stefano Giuliani.

Nel discorso tenuto prima dell’inaugurazione, l’alto ufficiale francese, dopo aver evocato lo spirito che anima l’operazione europea, a base di “apertura, dialogo, rispetto reciproco per facilitare il ritorno della stabilità e della sicurezza per tutti nell’ambito di quartieri fortemente segnati dagli scontri di Dicembre 2013”, ha sottolineato la cooperazione esemplare tra nazioni europee, citando tra l’altro il ruolo fondamentale del genio italiano nel montaggio della struttura.

 

 

Sono 13 le nazioni europee che compongono la forza militare dell’Unione Europea in Repubblica Centrafricana, composta da circa 700 elementi che operano nella capitale Bangui, ma il supporto finanziario e logistico della missione coinvolge tutti i 28 Paesi dell’Unione Europa.

L’Italia contribuisce alla missione EUFOR sin dallo scorso mese di agosto con un’unità del genio attualmente costituita dai genieri alpini del 2° reggimento di Trento che hanno avvicendato a dicembre i colleghi dell’8° genio paracadutisti della Folgore di stanza a Legnago (Verona).

 

Lebanon, Hezbollah attack: three killed in “Blue Line”

Middle East - Africa di

Three killed in “Blue Line”, where the borders of Lebanon, Israeli and Syria meet, on 28th January 2015. Two Israeli soldiers was slayed and seven was injured during the Hezbollah attack in Shebaa Farms area, where an Israeli convoy was hit by anti-tank missiles . And close to the disputed  between two armies, one Unifil peacekeeper was accidentally assassinated.

“Our country’s prepared to act powerfully on all fronts”, commented Israeli’s Premier Netanyahu. While a Tel Aviv government spokesman revealed that “we fight every Hezbollah assault with our air force and artillery” Instead, for a mouthpiece Un for Unifil “Blue Line” area needs “maximum restraint to prevent an escalation”, but defined an “accident” without detailing the source of the fire the peacekeeper’s killed. In Al Jazeera opinion, the guilty could be Israeli’s army.

Libano, offensiva Hezbollah: tre uccisi nella “Linea Blu”

Medio oriente – Africa di

Tre vittime nella zona detta “Linea Blu” in Libano nella mattinata di mercoledì 28 gennaio 2015. Due soldati israeliani uccisi e sette feriti è il bilancio dell’attacco missilistico ad un convoglio militare condotto da Hezbollah nella zona delle fattorie di Shebaa. Morto, in maniera accidentale, anche un casco blu della missione Onu Unifil, rimasto coinvolto nello scontro tra i due eserciti.

“Il nostro Paese è pronto a reagire ad ogni attacco”, ha commentato a caldo il premier israeliano Netanyahu. Mentre un portavoce del suo governo ha rivelato che “risponderemo ad ogni attacco da parte di Hezbollah attraverso la nostra aviazione e la nostra artiglieria”. Di tutto altro tenore, invece, la replica di un portavoce Onu per Unifil che ha parlato di un necessario massimo sforzo per prevenire una escalation di violenza”. La morte del soldato della missione internazionale è stata definita dallo stesso “un incidente”, ma non è stato rivelato il vero responsabile. Secondo quanto riportato da Al Jazeera, il colpo letale sarebbe partito dall’esercito di Tel Aviv.

L’Arabia dei Saud al centro della mezza luna islamica

A prescindere da chi sia al potere e da quali siano gli alleati, da quelle parti a chiunque lo si chieda tutti sanno sempre quello che fanno.

Simile al deserto di cui è formata, l’Arabia Saudita non è il classico potere statale che ti aspetti, per lo meno non lo è all’europea. E’ di quelli che nella perfetta ottica islamica di sempre, mutano come le dune di sabbia dalla sera alla mattina. Camuffata (spesso a volto scoperto) in un ambiente che è stato la causa dei suoi mali ed allo stesso tempo benefattore della sopravvivenza della casa reale, è sopravvissuta alle numerosissime crisi che l’hanno coinvolta. La sua politica, come molte politiche nel mondo arabo che un occidentale non si sa spiegare, non va capita: queste politiche prima vanno accettate e poi, quando ci si mette nei panni di chi ha come dirimpettaio Iraq, Iran, Yemen, Egitto, Israele, (per non mettere dentro al pentolone anche inglesi, francesi e americani che sono il trito e ritrito condomino che vuoi o non vuoi dalle parti del 46° Est ti ritrovi) si può sperare di capirle. Quando la tua preoccupazione è innanzitutto il controllo della fedeltà della famiglia reale, ben prima che dei sudditi e poi delle alleanze, allora capisci che la faccenda si complica. Questa sorta di perenne insicurezza che accompagna da sempre casa Saud ha reso la sua politica interna ed esterna in alcuni casi piuttosto squilibrata, in continuo ricomponimento. Non è certo confortante se la si giudica dall’ottica della sicurezza e stabilità regionale, ma tale è.

Due aspetti di questa importante fetta della mezza luna islamica – che corre dal Magreb (lì dove tramonta il sole) passando per le sconsolate distese del Sahel, lo sfortunato e martoriato Corno d’Africa per giungere a chiudersi tra il Mar Caspio e il Pakistan, tra le steppe kazakhe – vanno considerati: il timore di un crollo interno e l’instabilità permanente ai suoi confini. L’intrinseca vulnerabilità di tutto il mondo arabo è allo stesso tempo la sua principale caratteristica, quella cioè di essere un gran caleidoscopio che riflette nelle politiche dei governi e nelle guerre l’indissolubile rivalità tra le sue anime sciita e sunnita e prima ancora la sua poliedricità etnica e tribale. L’Arabia dei Saud ha tentato tutte le strade per cercare di arginare le spinte centrifughe interne ora elargendo privilegi, ora attraverso fondi, ora (è il caso di Bin Laden ad esempio) mandando in esilio personaggi scomodi, magari in passato dimostratisi insostituibili alleati della corona contro lo sgretolamento a favore della miriade di realtà locali. Certamente scomoda la posizione della famiglia reale, in perenne dibattito e scontro più o meno dichiarato per mantenere l’equilibrio regionale senza dare troppo fastidio a grossi e grassi vicini. La religione, che guida una buona parte delle continue conflittualità, è un mezzo attraverso cui legittimare la propria leadership al governo – antico sodalizio nato nella metà del 1700 dall’incontro della fama di dominio della famiglia di Muhammad Saud con quella di Muhammad al Wahhab, fervente predicatore di un fondamentalismo devoto al solo dio Allah: da quel momento il potere politico è stato finalizzato al perseguimento della causa religiosa wahhabita in una sorta di gioco delle parti utile ad entrambi. Sistematicamente al centro di attacchi da parte del radicalismo che ne critica il tradimento filo occidentale, questo ricco e sfortunato Stato ha vissuto al centro di tumulti e guerre che ne hanno plasmato la sensazione di sicurezza e la proiezione politica.

Utile a questo punto accennare ad un momento fondamentale della storia saudita e della famiglia Saud: quello che ne ha visto la cacciata dalla regione in seguito alla morte di Turki nel terzo decennio del 1800 con la conseguente guerra civile che portò al governo la famiglia rivale Al Rashid e, l’abilità politica e militare del principe Al Aziz che dall’esilio in Kuwait fu in grado di condurre un esercito alla lenta ma inesorabile riconquista delle vecchie regioni del Neged e del Hijaz (regione simbolicamente importantissima, centro della religione islamica con le città sante di La Mecca e Medina). E’ questo un momento che ha rappresentato nella storia del regno saudita un nodo molto importante: mancando la figura di Muhammad Wahhab a rappresentare la guida religiosa e spirituale, Al Aziz assunse per se anche il titolo di Imam: da quel momento stringeva nelle sue mani la spada del potere temporale e quella del potere secolare (come il simbolo di casa Saud).

Dagli attacchi terroristici alla guerra in Somalia, dalla guerra del Golfo al conflitto israelo-palestinese al vicino Iran nucleare, l’Arabia Saudita è stata più volte salvata e condannata anche dal petrolio, salvo scoprire poi che la sua presa sull’equilibrio mondiale del commercio dell’oro nero era limitata. Contrariamente alle aspettative infatti, la produzione del greggio saudita non conta così come si credeva…per lo meno fuori dal gioco del Golfo. L’eccessiva considerazione data al petrolio è stata infatti già smentita e rischia di esserlo nuovamente. E’ vero si che se escludiamo potenze come Russia e Stati Uniti il peso del greggio saudita è ancora importante ma, date le nuove tendenze, rischia di essere una spada spuntata. Il gioco di abbassare la produzione di barili per cercare di premere sbilanciando la produzione internazionale non ha funzionato in passato ed è improbabile che con i prezzi dati (il Medio Oriente continua ad essere il centro della produzione di petrolio, davanti agli Stati Uniti e all’Eurasia), i sauditi rigiochino nuovamente al ribasso, soprattutto considerando la ripresa delle estrazioni dopo le recenti rivolte libiche (che comunque non sono in grado di mettere in difficoltà il Regno). Per casa Saud non si tratta tanto di competere contro Algeria o Libia, quanto di utilizzare la moneta nera come contrappeso al rivale iraniano, costringendolo ad adattarsi ai prezzi per restare competitivo (mossa che rientra in una più ampia strategia di confronto e che sposta la rivalità dal terreno ai mercati finanziari), tentando di sbarazzarsene e di metterlo da parte nella partita anti ISIL. L’Arabia Saudita può permetterselo. L’ Iran al contrario ha bisogno di restare su picchi sempre alti di produzione, cosa resa difficile dal blocco commerciale imposto da molti paesi proprio nella speranza di rallentare il percorso sull’acquisizione di tecnologia nucleare. Inoltre, a favore dei sauditi gioca la diffusa riduzione della domanda di greggio a livello mondiale in linea con trend di crescita decisamente deboli delle economie avanzate che gli permette di fare la prima mossa mantenendo un discreto margine di vantaggio.

Resta da chiedersi con gli ultimi cambiamenti che hanno acceso nuovi focolai di cui lo Stato Islamico è la manifestazione più lampante, se la corona ha intenzione di giocare seriamente la partita apertasi in Iraq e Siria e, in questo caso: lo farà ispirandosi alla teoria del divide et impera (che non ha portato grandi risultati fino ad ora visti i vuoti di potere creatisi con gli scontri dei gruppi fondamentalisti)? Lascerà che Obama riprenda a fare il grande poliziotto di un quartiere che non è decisamente più così stimolante per gli Stati Uniti nell’ottica globale ma sembra giocoforza attirarne il coinvolgimento militare? Riuscirà a trovare una linea comune con gli emiri vicini o resterà intrappolata nel pantano di un’insicurezza che contribuisce in buona parte a creare?

Ukrainian violent escalation, repartee between Kiev/Nato and Moscow

Europe di

The level of fighting in the east of Ukraine has come back at the highest levels during January 2015. At the same time, the verbal confrontation between Kiew/Nato and Moscow is not subsiding

[subscriptionform]
[level-european-affairs]

After direct engagement between Ukrainian and separatist armies in Donbass region during January 2015, where several civilians had died, Kiev has decided on allert warning for all nation on 26th January: “We must ensure the safety and the protection of civilian population”, said Prime Minister Yatseniuk validating this choice.

This violent escalation circle, after December cease of fire, has caused an exchange of accusations between Kiev and Moscow. Ukraine government has always charge with separatist to be liable for every carnage in the Eastern territories. While Putin, about regular army, has said: “Is not an army, but a foreign legion, in this case a foreign Nato legion, which, of course, doesn’t pursue the national interests of Ukraine”.

These words are at odds with Nato Secretary General speech after the Mariupol fighting, where the shelling of residential areas in the city from separatist-controlled territory has cost the lives of at least 20 civilians, and injured many more: “For several months we have seen the presence of Russian forces in eastern Ukraine, as well as a substantial increase in Russian heavy equipment such as tanks, artillery and advanced air defence systems. I strongly urge Russia to stop its military, political and financial support for the separatists, stop destabilising Ukraine and respect its international commitments”, said Stoltenberg on 24th January 2015.

Giacomo Pratali

[/level-european-affairs]

Escalation di violenza in Ucraina, botta e risposta tra Kiev/Nato e Mosca

EUROPA di

Durante gennaio, il livello di scontri nell’est ucraino è tornato ai massimi livelli. Di pari passo, lo scontro verbale tra Kiev e la Nato da una parte e Mosca dall’altra non accenna a placarsi

[subscriptionform]
[level-european-affairs]

Dopo i violenti scontri armati tra gli eserciti ucraino e separatista nella regione del Donbass avvenuti nel corso di gennaio, nei quali molti civili hanno perso la vita, Kiev ha proclamato lo stato d’allerta nazionale durante il 26 gennaio: “Dobbiamo assicurare la sicurezza e la protezione della popolazione”, ha detto il primo ministro Yatseniuk spiegando tale decisione.

La preoccupante escalation di conflitti e dimostrazioni terroristiche, dopo il cessate il fuoco di dicembre, ha causato uno scambio di accuse tra Kiev e Mosca. Il governo ucraino ha sempre accusato i filorussi di essere i responsabili di tutte le strgi compiute nell’est del Paese. Viceversa, Putin, parlando dell’esercito regolare, ha detto: “Non è un esercito, bensì una legione straniera, in questo caso una legione straniera della Nato, che, sicuramente, non persegue gli interessi nazionali dell’Ucraina”.

Le parole espresse dal Capo del Cremlino sono in totale antitesi con il discorso del Segretario Generale Natio dopo gli scontri di Mariupol, dove l’attacco nei confronti della zona residenziale della città da parte dei separatisti che controllano il territorio ha causato la morte di 20 persone e il ferimento di molte altre: “Per molti mesi, abbiamo visto la presenza di un contingente russo nell’est dell’Ucraina, così come un sostanziale aumento dell’equipaggiamento militare russo come carri armati, artiglieria e avanzati sistemi di difesa aerea. Chiedo in maniera forte alla Russia di cessare il suo supporto militare, politico e finanziario destinato ai separatisti, di cessare la destabilizzazione dell’Ucraina e di rispettare i suoi impegni internazionali”, ha affermato Stoltenberg il 24 gennaio 2015.

Giacomo Pratali

[/level-european-affairs]

Italian Marines Case, Indian media talks about a behind scene dialogue between two governments

Europe di

The three-years deadlock about Italian Marines Case. Indian Government looks up to negotiation. However the decision is “judicial competence” in Government spokesman’s opinion

[subscriptionform]
[level-european-affairs]

“The Government of Delhi has changed attitude and talks behind the scenes with the Italian government”. This is the Indian media’s opinion about Marines Case. And to prove it would be the different behavior held by the executive and the Supreme Court in September when Massimiliano Latorre was sent back to Rome for serious health reasons

Neverthless, the newly appointed Foreign Minister Paolo Gentiloni talks about “absolutely disappointing results” in the negotiations on last three years. While the former head of the Foreign Ministry , now the EU High Representat ive of Foreign Policy Federica Mogherini, interviewed to ‘La Repubblica’ on 27th December, has very clearly claimed: “As I already said in the past, when I was Ministry, I tried to complete preliminary procedure of international law arbitration, but it’s too long. Now, I keep following this case along with Italian Government”.

“The EU – continues – has repeatedly been asking over a right solution for everyone for the last three years. Neverthless, but we’re waiting for a solution so this situation is not just painful for the two marines, their families and Italy , but it can also affect the EU – India relations and the global fight against piracy in which the EU has been strongly committing”, said Lady Pesc.

But the Indian Media optimism opposes Government spokesman Syed Akbaruddin, who has said on 26th December: “It’s very difficult to explain the question as it’s judicial competence. The Indian Government could have its opinion, but we have to wait judicial decision”.

This spokesman’s speech is in line with Salvatore Girone’s Christmas greetings to his family and friends and Massimiliano Latorre’s possible comeback in India after his healing in Italy. In the last few days, Italian President Giorgio Napolitano has told about “lack of cooperation by India” and “malfunctioning of the Indian justice system in the case of two marines” accused of killing two Indian fishermen during an anti-piracy mission in 2012.

Giacomo Pratali

[/level-european-affairs]

1 2 3 5
Giacomo Pratali
Vai a Inizio