Operazione "Aquila nera" il terrorismo di destra in Italia

in EUROPA/Video by

Conclusa l’operazione “ Aquila Nera”, arrestate 14 persone e altri 48 indagati per associazione di stampo terroristico.L’operazione condotta dai ROS dei Carabinieri dopo mesi di indagini e pedinamenti ha permesso l’arresto del nucleo di comando di quello che poteva diventare un pericoloso gruppo terroristico.

Pianificavano attentati a magistrati e politici da effettuare con azioni simultanee oltre ad attentati a uffici pubblici, banche e agenzie di Equitalia.

Erano questi i piani del gruppo terroristico arrestato  dai carabinieri del Ros tra L’Aquila e 17 altre località in Italia

A firmare il provvedimento è stato il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di L’Aquila, Giuseppe Romano Gargarella, a seguito di una inchiesta portata avanti dalla procura distrettuale antimafia dell’Aquila. A coordinare le operazioni è stato il colonnello dei Ros di Roma, Massimiliano Macilenti.

I reati contestati sono associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico, associazione finalizzata all’incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi nonché tentata rapina.

I provvedimenti scaturiscono da un’attività investigativa (guidata dal procuratore dell’Aquila Fausto Cardella e dal pubblico ministero Antonietta Picardi) è stata avviata, nel 2013, dal R.O.S. nei confronti di un’associazione clandestina denominata “Avanguardia Ordinovista” che, “richiamandosi agli ideali del disciolto movimento politico neofascista “Ordine Nuovo” e ponendosi in continuità con l’eversione nera degli anni ’70, progettava azioni violente nei confronti di obiettivi istituzionali, al fine di sovvertire l’ordine democratico dello Stato”.

Stefano Manni, uno dei leader del gruppo eversivo,  si è avvalso della facoltà di non rispondere, mentre Franco Montanaro ha respinto ogni addebito e ha negato ogni accusa “Tutta colpa di Facebook, aderivo alle idee del gruppo, applaudivo e apprezzavo i commenti, ma non mi sono mai reso conto della pericolosità del gruppo, Si è difeso così in aula davanti al gip, Nicola Montanaro.

 

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=FBMbt96H8IQ[/youtube]

 

In particolare, le indagini documentavano come il gruppo, guidato da Stefano Manni oltre alla raccolta di armi e la pianificazione di attentati stessero organizzando la formazione del ramo politico del gruppo  utilizzando il  web, ed in particolare il social network Facebook, come strumento di propaganda eversiva, incitamento all’odio razziale e proselitismo.

A tal riguardo il MANNI aveva realizzato un doppio livello di comunicazione: uno attraverso un profilo pubblico, dove lanciava messaggi volti ad alimentare tensioni sociali e a suscitare sentimenti di odio razziale, in particolare nei confronti delle persone di colore; un altro attraverso un profilo privato, limitato ad un circuito ristretto di sodali, dove discuteva le progettualità eversive del gruppo.

L’organizzazione aveva anche pianificato  la costituzione della “Scuola Politica Triskele”, legata alla creazione del “Centro Studi Progetto Olimpo”, attraverso cui promuovere ed organizzare  incontri politico-culturali in varie località italiane, nonché la realizzazione di campi paramilitari chiamati “campi hobbit”, all’interno dei quali diffondere e sviluppare l’ideologia e le progettualità eversive del gruppo.

Il Manni ha realizzato un network di contatti con altri gruppi simili su posizioni di estrema destra con cui collaborare alla creazione di un unico soggetto politico, tra questi  i “Nazionalisti Friulani”, il “Movimento Uomo Nuovo”[3] e la “Confederatio”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*