Terra di nessuno, il terrorismo internazionale nell’Italia del dopoguerra

in Video by

[youtube]http://youtu.be/I3jKZogMUgM[/youtube]

L’Italia del dopoguerra è stata il confine di un conflitto mai dichiarato formalmente ma che ha mietuto vittime innocenti.

Furono gli antesignani di Al-qaeda e dei tagliagole dell’ISIS, lottavano per una causa e scelsero l’Italia come campo di battaglia.

Non solo gruppi islamici e irredentisti di ogni sorta, ma anche servizi segreti che si sfidavano usando la politica italiana come una sorta di laboratorio o fronte trincerato dove ogni colpo era valido.

Iraniani, giordani, siriani, palestinesi, libanesi, iracheni, armeni, libici e cellule dormienti, organizzazioni terroristiche del vicino oriente che lasciarono sul terreno 36 morti e oltre 200 feriti e che dichiararono guerra al nostro Paese diventato, di fatto, “Terra di nessuno”.

Allora ecco la testimonianza del giudice Ferdinando Imposimato che ha confermato quante volte si è imbattuto in ingerenze esterne nelle sue indagini sui misteri più importanti del nostro paese, da Moro all’attentato a Giovanni Paolo II.

Salvatore Lordi nel suo libro ha raccontato con dovizia di particolari molti di questi momenti che sono stati eventi importanti della sua carriera giornalistica.

 

Alessandro Conte

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*